Fasi dell’istruzione a Taiwan: dall’asilo alla scuola media superiore

Dall’asilo al liceo

Mentre solo la scuola elementare e media è obbligatoria, il 95% degli studenti taiwanesi va alla scuola superiore e all’università.

Scuola materna

La scuola materna a Taiwan non è obbligatoria e si rivolge ai bambini fino all’età di 7 anni quando inizia la scuola dell’obbligo. Gli sforzi per aumentare l’accesso alle scuole materne per i bambini di ogni estrazione sociale hanno significato che i bambini possono essere iscritti fin dalla tenera età. 

Le recenti riforme hanno reso questo livello del sistema scolastico più accessibile per i residenti espatriati permanenti, con l’offerta del governo che significa che la registrazione anticipata e l’esenzione dalle tasse sono molto possibili. Verifica con la tua scuola locale quando inizia il periodo di iscrizione e quanto puoi aspettarti di pagare.

Oltre alle scuole materne insegnate in mandarino, ci sono un certo numero di asili in stile Montessori e Steiner, specialmente a Taipei. Inoltre, il numero di corsi di immersione in inglese insegnati nelle scuole materne è cresciuto negli ultimi anni poiché i genitori cercano di capitalizzare il prestigio percepito e le opportunità offerte dalla conoscenza dell’inglese.

Scuola elementare (classi 1-6)

L’iscrizione alle scuole elementari a Taiwan dipende dal luogo di residenza registrato. Di conseguenza, gli studenti autoctoni possono ritrovarsi registrati come conviventi con parenti in modo da rientrare in un bacino di utenza delle migliori scuole. 

Gli studenti lasciano la scuola elementare con un diploma, ma non sono tenuti a sostenere alcun esame formale per accedere alle scuole medie inferiori.

Le materie insegnate a livello elementare sono:

  • Mandarino
  • Matematica (raggiunge l’algebra e la geometria introduttive dal 6 ° grado)
  • Scienza
  • Inglese (materia obbligatoria all’interno del sistema scolastico ordinario dalla terza elementare)
  • Lingue native (classi opzionali in lingue indigene e dialetto taiwanese del cinese)
  • Studi Sociali
  • Musica
  • Arte

Junior high (classi 7-9)

Segnando la fine dell’istruzione obbligatoria, la scuola media inferiore (JH) è stata tradizionalmente considerata il periodo chiave dell’istruzione di un bambino a Taiwan. È anche l’ultima fase dell’istruzione generale. Vale a dire che gli studenti a questo livello studieranno una varietà di materie, comprese le arti liberali e i curricula scientifici.

La laurea da JH è il punto in cui gli studenti vengono testati con esami nazionali per le domande di istruzione superiore e professionale. Di conseguenza, la pressione sociale sugli studenti a questo livello per superare gli esami pubblici con voti eccezionali è incredibilmente alta.

Liceo senior (classi 10-12) e scuole professionali

L’istruzione secondaria a Taiwan è il primo livello di scolarità non obbligatorio nel paese (sebbene le proposte di scuola dell’obbligo di dodici anni potrebbero cambiare questa situazione nel prossimo futuro). È anche la fase in cui gli studenti sono tenuti a specializzarsi, almeno in parte.

Mentre le principali differenze sono evidenti tra le scuole superiori e le scuole di formazione professionale, all’interno di questi due sistemi agli studenti viene chiesto di nominare il loro corso preferito. Nella scuola media superiore la scelta è, in linea di massima, tra i programmi di studio delle arti liberali e quelli incentrati su scienze / matematica. Nelle scuole professionali vengono offerte una varietà di specializzazioni, tra cui ingegneria civile e informatica.

Gli studenti che desiderano andare all’università devono decidere se fare domanda mentre sono a scuola tramite il Sistema di Raccomandazione per la selezione dei corsi e gli esami accademici, o aspettare fino a dopo la laurea ed entrare tramite l’esame di ammissione all’università nazionale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Splendide gemme nascoste di Kyoto che non vorrai perderti

Servizi di emergenza: chi chiamare