Lavori a contratto: lavori a contratto e part-time

Lavoro a contratto e part-time

I lavori a contratto o freelance sono disponibili tramite agenzie di collocamento specializzate in Australia.

I contratti sono generalmente a tempo pieno e per un periodo determinato, sebbene possano essere a tempo indeterminato. C’è una sottile linea di demarcazione tra contratti e lavori temporanei, che spesso sono la stessa cosa. Negli ultimi anni, molte aziende sono passate da dipendenti a tempo pieno a lavoratori a contratto e ad appaltare lavori come manutenzione di edifici, ristorazione, pulizia, installazione di computer, costruzione e persino parti del processo di produzione.

Molte posizioni contrattuali sono per specialisti, in settori come contabilità, informatica, elettronica, ingegneria e estrazione mineraria, sebbene esista anche un forte mercato nella fornitura di servizi di ristorazione, pulizia e manutenzione. Le tariffe variano notevolmente, ad esempio da circa $ 14 l’ora per un impiegato a $ 100 o più per uno specialista di computer. Gli appaltatori possono lavorare a casa o nei locali di un cliente o di un’azienda appaltatrice.

C’era un mercato redditizio per i lavori a contratto in Australia, in particolare per gli specialisti di tecnologia dell’informazione, sebbene la recessione negli anni ’90 abbia pagato molti posti di lavoro. Le società di consulenza (chiamate anche carrozzerie) sono specializzate nella fornitura di personale a contratto a grandi aziende. I normali regolamenti sui visti si applicano ai lavoratori a contratto, a meno che tu non sia impiegato per lavorare fuori dall’Australia.

Lavori part-time

Un lavoro part-time è generalmente definito come meno di 20 ore settimanali. I lavori part-time sono disponibili nella maggior parte dei settori e delle professioni in Australia e sono più comuni nei caffè, nelle fabbriche, negli uffici, nei pub, nei ristoranti e nei negozi. Negli ultimi anni il numero di lavoratori part-time in Australia è aumentato notevolmente, in particolare tra le donne, e ora ammonta a oltre 3 milioni, circa il 30% della forza lavoro. Oltre il 75% dei lavori part-time in luoghi di lavoro più grandi (con un minimo di 20 dipendenti) sono nei settori degli alloggi, dei bar e dei ristoranti, dell’istruzione, della sanità e dei servizi alla comunità e del commercio al dettaglio.

I lavori part-time si applicano a tutti i livelli (dai dirigenti agli impiegati) e a tutte le imprese, molti dei quali si rivolgono al lavoro part-time per motivi familiari, di salute o di stile di vita. La soddisfazione sul lavoro è generalmente più alta tra i lavoratori part-time rispetto a quelli occupati a tempo pieno (non saresti più felice di lavorare meno ore?).

I lavoratori part-time sono generalmente pagati su base oraria e non hanno gli stessi diritti dei lavoratori a tempo pieno, ma i premi retribuiti normalmente contengono disposizioni per proteggere i diritti dei lavoratori a tempo parziale. Tuttavia, di solito non ricevono ferie annuali, congedo di maternità, indennità di malattia o altri diritti dei lavoratori a tempo pieno, sebbene l’equilibrio venga ristabilito in vari settori. Anche i lavoratori part-time sono generalmente mal pagati rispetto ai dipendenti a tempo pieno.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Cosa vedere a Bruxelles: 15 attrazioni impressionanti oltre alla Grand Place

Danze tradizionali indiane: Antiche forme di danza