Ottenere la contraccezione quando si vive all’estero: come rimanere protetti

Come rimanere protetti

Trasferirsi all’estero è un nuovo inizio entusiasmante. Quando molti di noi decidono di fare quel grande passo, il più delle volte, trovare un alloggio e un lavoro sono considerati priorità e giustamente. Tuttavia, per le donne, una delle cose più sottovalutate e trascurate da tenere in considerazione quando si pianifica di vivere all’estero o di  viaggiare è il controllo delle nascite . Sia che tu stia pianificando di iniziare la tua nuova vita da espatriato o che stia cercando di prenderti un anno sabbatico e viaggiare per il mondo, di seguito sono riportati alcuni aspetti che dovresti considerare quando gestisci la tua contraccezione all’estero.

Si stima che fino a 5,5 milioni di espatriati britannici vivano attualmente all’estero  . La destinazione di gran lunga più popolare è, hai indovinato, l’Australia con un totale di quasi 1,3 milioni di britannici che vivono nel 2013. Tuttavia, paesi come Stati Uniti, Canada, Spagna e Nuova Zelanda vantano anche un inglese o anche due.

Ricerca il tuo paese

Vale la pena conoscere le regole e i regolamenti sulla   contraccezione prima di partire. Fortunatamente Internet ha reso questo compito molto più semplice.

Solo perché la contraccezione è legale e facilmente accessibile nel Regno Unito e in altri paesi, non significa che sia effettivamente disponibile allo sportello o che la persona dietro la cassa sarà disposta a dartela quando sei all’estero. Potresti aver bisogno di una ricetta, che non è sempre il compito più semplice, soprattutto se sei appena atterrato. La mappa sotto mostra quali paesi forniscono l’accesso da banco alla contraccezione.


 

Disponibilità globale di contraccezione orale – Fonte: ocsotc.org 

Contraccezione in Australia

Il processo in Australia è simile a quello in Gran Bretagna: hai bisogno di una prescrizione dopo essere stato approvato da un medico per ottenere i tuoi farmaci. Ascolta però: le prescrizioni straniere possono essere accettate in alcuni interventi chirurgici. Ciò significa che puoi chiedere al tuo medico una ricevuta di prescrizione e consegnarla a un medico australiano, quindi alla farmacia per l’approvazione. Questo potrebbe farti risparmiare tempo se questo è un problema. I marchi possono variare in paesi diversi, quindi assicurati di elencare quanto segue:

  • Il / i ingrediente / i attivo / i
  • Il nome chimico
  • Il dosaggio
  • Il nome del produttore
  • Il nome commerciale del farmaco

Puoi chiedere al tuo medico di scriverlo sulla tua ricetta per evitare errori. Questo elenco è utile per tutti i paesi.

Un altro punto degno di nota: probabilmente dovrai pagare fino a $ 30 per la tua contraccezione, al contrario del Regno Unito, ad esempio, dove è tutto gratuito. Se stai attraversando più di un paio di mesi, sarà meglio organizzare la tua contraccezione prima del viaggio.

Potrebbe essere necessario cambiare marca

O almeno scopri come viene chiamato il tuo attuale contraccettivo nella tua nuova casa. La tua pillola, cerotto o anello attuale potrebbe non essere disponibile lì e se sei arrivato ad amarlo, cambiare potrebbe non essere nella tua lista di cose da fare. Tuttavia, cambiare marca non significa compromettere l’efficacia e forse troverai un nuovo tipo di contraccezione che funziona altrettanto bene.

Malattia

Se prendi la pillola o la mini pillola tieni d’occhio la tua salute. Vomito e diarrea, che possono verificarsi a causa di diversi alimenti, igiene e standard di acqua, possono interferire con l’efficacia della pillola. Se vomiti due ore dopo aver preso la pillola, dovrai usare il preservativo per sette giorni. Questo vale anche per i disturbi di stomaco. La malattia persistente dovrebbe essere seguita da sette giorni di contraccettivo di barriera. Se sei malato e hai bisogno di antibiotici, dovresti ricontrollare per vedere se impediscono alla pillola di funzionare. Il che ci porta piacevolmente anche noi …

Contraccezione di emergenza

La contraccezione d’emergenza non è facile da trovare in tutti i paesi, né è legale in tutto il mondo – alcuni paesi dell’America Latina, ad esempio, non consentono la pillola del giorno dopo. Se ti sei trasferito da qualche parte remota, le possibilità di ottenere un contraccettivo d’emergenza sono basse. Devi prendere la pillola del giorno dopo entro 24 ore affinché sia ​​efficace al 95%. La percentuale diminuisce col passare del tempo.

Le leggi sull’aborto sono diverse in ogni paese  e può persino essere illegale. Poiché possono cambiare nel tempo, assicurati di informarti. Vedi come la contraccezione è così importante quando ti muovi? Le conseguenze sono alte, quindi vale la pena organizzarsi! È anche importante rendersi conto che la contraccezione non viene utilizzata solo per prevenire la gravidanza, ma è anche utilizzata da alcune donne per benefici secondari.

Vantaggi della contraccezione secondaria – Fonte: HealthExpress.co.uk 

Trova un buon dottore

Quando ti trasferisci all’estero trovare un buon dottore è inestimabile. Chiedi consigli in giro una volta che ti sei sistemato. Un medico comprensivo che parla inglese è un gioiello all’inizio (e oltre). Le barriere linguistiche possono causare tutti i tipi di problemi quando si parla di storia medica e potresti scoprire che ti viene negata la pillola a causa di un malinteso sui tratti della pressione sanguigna della tua famiglia. L’Associazione internazionale per l’assistenza medica ai viaggiatori può aiutarti con la tua assistenza sanitaria  mentre sei all’estero.

Le donne single possono scoprire di non essere trattate bene quando accedono alla contraccezione, anche dai medici. Questo può essere uno shock culturale per quelli di noi abituati ad accedere ai contraccettivi come standard.

Portane un po ‘con te

Ha senso portare con sé molti contraccettivi quando ci si sposta o si viaggia a bordo. Se viaggi, puoi ordinare fino a sei mesi prima. Se cronometri questo con la data di partenza, questo potrebbe coprirti per l’intero viaggio. Per assicurarti di non essere a rischio di gravidanza o malattie sessualmente trasmissibili, anche i preservativi sono essenziali.

Il tuo normale tipo di contraccezione può essere acquistato in anticipo e anche imballato. Ti accompagnerà durante il periodo iniziale di assestamento. Potrebbe essere difficile ottenere una prescrizione all’estero fino a quando non conosci le basi; se c’è una situazione di emergenza il tempo è essenziale.

Quando conti i contraccettivi ormonali, come la pillola, considera di saltare alcuni periodi. Molte donne lo fanno e non è una cattiva idea considerando lo stress a cui potresti essere sottoposta. Tre periodi saltati equivalgono a un mese di pillola: includilo nella tua matematica e ordina di conseguenza!

Fusi orari

La pillola è sensibile al tempo. Ad esempio, c’è una differenza di orario di otto ore tra Londra e la costa orientale dell’Australia. La mini pillola ha una finestra di due ore. Imposta la sveglia o cambia il giorno in cui prendi la pillola MA usa la contraccezione di barriera nel frattempo per almeno sette giorni. Il cerotto e l’anello vaginale non sono influenzati dal cambio di fuso orario.

Trombosi venosa profonda

Se viaggi in aereo, in particolare a lungo raggio, ricorda che il rischio di trombosi venosa profonda  aumenta se utilizzi contraccettivi ormonali. Riduci i rischi muovendoti frequentemente e indossando calze anti-embolia.

Il punto è che se ti trasferisci o viaggi all’estero la contraccezione deve essere nella tua lista delle cose da fare. Porta con te tutta la contraccezione che ritieni necessaria e poi ancora un po ‘. Alla fine scoprirai le regole, i regolamenti e i luoghi in cui procurarti la contraccezione a livello locale, ma prima che ciò accada assicurati di non sbagliare. Ricorda, qualsiasi paese può avere normative diverse, quindi non dare per scontato che se un paese è simile al tuo paese d’origine in qualche modo, sarà simile quando ottieni la contraccezione. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Guidare in Thailandia: condizioni della strada, traffico e ora di punta

I nostri 5 migliori consigli in Giappone per le famiglie in viaggio