in

Cosa vedere in 4 Giorni Nell’isola Di Jeju

Adorata sia dai coreani che dai turisti, l’isola di Jeju è un luogo imperdibile per ogni appassionato di outdoor. Situata al largo della costa sud-occidentale della Corea del Sud, l’isola di Jeju è ampiamente conosciuta per le sue spiagge incontaminate, i resort e le meraviglie geologiche. Trasudando bellezze naturali dalle coste alle cime delle montagne, l’isola di Jeju ospita la montagna più alta della Corea del Sud ed è stata salutata come uno dei posti migliori per guardare l’alba in tutto il paese.

Originariamente formato come risultato dell’attività del vulcano, tutto, dal clima alla cultura all’ambiente circostante sull’isola di Jeju, è stato influenzato dalla sua storia eruttiva. Sia che tu stia cercando una piacevole passeggiata lungo la costa o un arduo trekking fino alla cima della montagna più alta della Corea del Sud, l’isola di Jeju ha qualcosa per tutti.

Cose da ricordare prima di viaggiare a Jeju Island, Corea del Sud:

Lingua – Jejueo è la lingua principale parlata sull’isola di Jeju. Mentre è considerato un dialetto del coreano standard, è molto diverso. La maggior parte dei locali sarà in grado di comprendere il coreano standard e la maggior parte delle aree turistiche offre traduzioni in inglese.

Etichetta – Seguendo l’etichetta coreana, i locali sull’isola di Jeju sono molto rispettosi e tranquilli. Inchinarsi quando si incontra qualcuno o prima di partire e togliersi le scarpe prima di entrare in una casa, in un tempio o in un ristorante è comune. Quando mangi e bevi, assicurati di non lasciare gli utensili nel cibo e di ricevere / versare bevande con due mani.

Cambio valuta – La valuta è il won coreano e può essere cambiata in aeroporto e negli hotel più grandi. Ci sono anche sportelli bancomat sparsi in tutta l’isola.

Come muoversi – La limousine dell’aeroporto ti porterà nelle due principali città (Jungmun e Seogwipo) per meno di 5 USD. È inoltre possibile noleggiare un’auto presso due delle strutture di noleggio auto presso l’aeroporto. Il Jeju City Tour Bus offre tariffe convenienti per 19 destinazioni in tutta l’isola. L’autobus parte dal terminal nel centro della città e i biglietti possono essere acquistati dall’autista. Sono disponibili anche i taxi, ma saranno l’opzione più costosa per il trasporto.

Dove alloggiare – C’è una serie di opzioni di alloggio sull’isola. Dai resort a 5 stelle ai pittoreschi Airbnb, c’è qualcosa per ogni budget.

Sicurezza e protezione – In caso di emergenza, comporre il 119; e la polizia locale può essere raggiunta componendo il 112. La maggior parte dei principali centri medici hanno medici di lingua inglese nel personale. Come sempre, assicurati di controllare gli attuali avvisi di viaggio del tuo paese per informazioni aggiornate sugli avvisi di viaggio.

Un itinerario escursionistico di quattro giorni per l’isola di Jeju, Corea del Sud

Giorno 1 – Sunrise Peak

Conosciuto come Seongsan Ilchulbong dalla gente del posto, questo sito patrimonio mondiale dell’UNESCO è stato recentemente nominato una delle nuove 7 meraviglie della natura. Seduto a 597 piedi sul livello del mare, questo splendido picco offre una vista mozzafiato sul Mar Cinese Orientale. Formata da un’eruzione vulcanica circa 5.000 anni fa, questa ripida, ma piuttosto breve salita è il luogo perfetto per iniziare un’avventura escursionistica sull’isola di Jeju. Dopo la salita di 20 minuti verso l’alto, c’è molto spazio per sedersi e ammirare il panorama.

Opportunamente chiamato Sunrise Peak, questo punto di riferimento è un modo ideale per iniziare la giornata. Mentre è bello tutto l’anno, è meglio evitare l’inverno, se possibile. Le nuvole basse e sospese spesso disturbano la vista straordinaria. Se finisci lì in inverno, ne vale comunque la pena, però! Se non sei pronto per l’escursione verso l’alto, dirigiti verso la spiaggia per una vista altrettanto incredibile dell’alba.

Monte Sanbangsan

Sunrise Peak è un’escursione relativamente indolore, quindi fai una pausa rilassante dopo aver visto il sole sorgere all’orizzonte e poi dirigiti verso il Monte SanbangsanSanbangsan, che si traduce in “grotta all’interno di una montagna”, è un’altra meraviglia geografica che vanta splendide viste sull’oceano e rigide formazioni rocciose. Salendo a circa 1300 piedi, sangbangsan Mountain è anche sede di due templi: Sanbagsa Temple e Bomunsa Temple, la cui scala contiene reliquie buddiste. Assicurati di salire tra i due templi per una vista del segnale Yeondale, che è stato storicamente utilizzato per inviare avvertimenti in tutta l’isola. C’è un parcheggio gratuito alla base della montagna, ma una piccola tassa di ammissione per salire.

Giorno 2 – Hallasan

Conosciuto anche come Halla Mountain, il Monte Hallason è la montagna più alta della Corea del Sud che sale a 6.398 piedi. Considerato una delle montagne più sacre della Corea del Sud, questo vulcano è stato da solo responsabile della formazione dell’isola di Jeju, motivo per cui i locali hanno un legame così profondo con esso.

Ci sono due sentieri principali che ti porteranno in cima. Seongpanak è a circa 6 miglia a senso unico e la testa del sentiero può essere raggiunta con i mezzi pubblici. L’altro sentiero, Gwanemsa, è più ripido ma offre una vista migliore lungo la strada. Alcune persone scelgono di salire l’una e scendere l’altra, ma è importante notare che Gwanemsa è spesso chiusa e il sentiero non è raggiungibile con i mezzi pubblici.

Il parco applica rigorosamente gli orari di apertura e chiusura, quindi assicurati di arrivare prima del limite di orario di inizio, che varia in base alla stagione. Ci sono due rifugi sulla strada per la cima; il primo offre bagni mentre il secondo offre bagni e piccoli snack. Assicurati di vestirti in base alla stagione e prendi nota che, indipendentemente dal periodo dell’anno, tende ad essere molto freddo in cima.

La vista dell’isola di Jeju, l’oceano in lontananza e il lago del cratere in cima è mozzafiato, ma la salita è altrettanto esteticamente piacevole. Il fitto bosco, le pinete di roccia vulcanica e le azalee viola sono destinate a mantenere la testa su una girella mentre sali in cima.

Giorno 3 – Sentieri escursionistici di Olle

Dopo un trekking di un’intera giornata sul monte Hallasan, una rilassante passeggiata lungo la costa è esattamente ciò di cui avrai bisogno. Con oltre 260 miglia di sentieri accessibili, i sentieri escursionistici di Olle seguono l’intera costa dell’isola di Jeju. Costituiti per lo più da spiagge e allevamenti ittici, i sentieri si snodano anche attraverso foreste e colline. I 26 sentieri che compongono il sistema Olle Trail intersecano anche i villaggi, il che è ottimo per dare un’occhiata alla cultura locale. Assicurati di essere alla ricerca dei subacquei Haenyea, che sono donne locali che si immergono per pescare lungo la costa ogni giorno.

Giorno 4 – Geomun Oreum

Traducendo in foresta nera o foresta sacra, il Geomun Oreum è un piccolo componente che costituisce i 368 coni vulcanici sull’isola di Jeju. Questo sito patrimonio naturale mondiale dell’UNESCO è un’area lussureggiante nota per i suoi alberi fitti e neri, le piante locali e gli animali. Il Ministero dell’Ambiente l’ha nominata come una delle sei principali destinazioni turistiche ecologiche dell’ultimo decennio grazie al suo terreno e alla sua vegetazione unici. Al fine di preservare questa regione, solo 400 persone sono autorizzate a fare un tour al giorno. La prenotazione è richiesta con almeno due giorni di anticipo se si prenota al telefono o cinque giorni prima se si prenota online.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Cosa fare in 3 Giorni A Nizza, Francia

Cosa vedere in 2 giorni a Paracas, Perù