in

Cosa vedere in Ecuador In 3 Giorni

Conosciuta come la seconda capitale più alta del mondo, dopo La Paz, Quito è una delle città coloniali meglio conservate del Sud America. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1978, la città è un’affascinante combinazione di vecchio e nuovo. Vanta bellissime case coloniali e vicoli storici e, allo stesso tempo, quartieri alla moda e grattacieli pur essendo circondato da imponenti vette andine. Se stai pianificando un viaggio alle Galapagos con un viaggio laterale a Quito, allora abbiamo messo insieme un itinerario per aiutarti a sfruttare al meglio il tuo soggiorno. Godetevi l’Ecuador!

Cose da sapere prima di partire per Quito, Ecuador:

Lingua – Essendo una colonia spagnola per tre secoli, lo spagnolo è diventato la lingua della nazione che è ampiamente parlata dalla maggior parte delle persone nel paese. Tuttavia, è importante notare che la popolazione indiana usa ancora il quechua, che è la lingua dell’impero Inca. L’inglese è ampiamente utilizzato nella maggior parte delle zone turistiche, specialmente negli hotel, nei negozi di souvenir, nelle agenzie turistiche e nelle società di noleggio auto. Parlare almeno alcune frasi spagnole o tentare di imparare è molto apprezzato dalla gente del posto.

Cambio valuta – Dal gennaio 2000, la valuta ufficiale dell’Ecuador è il dollaro USA. Nel 1990, l’allora presidente Jamil Mahuad prese una drastica decisione di dollarizzare l’economia dell’Ecuador a causa dell’impennata dell’inflazione e del crollo della valuta Sucre. Bancomat e carte di credito sono ampiamente accettati, ma controlla in anticipo con la tua banca se ci sono limitazioni.

Sicurezza e protezione – Attualmente non esiste un avviso di sicurezza a livello nazionale in vigore per l’Ecuador. Controlla il sito web di consulenza di viaggio del tuo paese per ottenere le informazioni più aggiornate per la tua sicurezza personale all’estero. Non portare con te carte di debito o di credito o nasconderle nel reggiseno o nelle scarpe. Ci sono stati casi di rapina quando i trasgressori ti scortano a un bancomat e ti fanno tirare fuori il più possibile. Lasciate il passaporto nella cassetta di sicurezza dell’hotel e portate con voi una fotocopia. Evita viaggi non necessari nella zona di confine di Colombia ed Ecuador.

Come arrivare – L’aeroporto di Quito è l’aeroporto internazionale Mariscal Sucre, situato a 40 minuti dal centro. La città è servita da diversi vettori stranieri tra cui Aeroméxico, Air Europa, American Airlines, Avianca Ecuador, Avianca El Salvador, Eastern Airlines, LLC, KLM, LASER Airlines, LATAM Ecuador, Spirit Airlines, United Airlines e TAME. Ottenere un biglietto “a mascella aperta” è più economico se hai intenzione di visitare altri paesi sudamericani come il Perù.

Come muoversi – Il trasporto pubblico in tutta Quito, sebbene generalmente sicuro, può essere complicato soprattutto per i visitatori per la prima volta. Nonostante questo, la città ha molte opzioni di trasporto tra cui gli autobus Metrobus, Trolebus ed Ecovia, che si comportano come tram e sistemi ferroviari a causa delle loro corsie dedicate. Questi autobus corrono quasi ovunque, da nord a sud. Fondamentalmente, il trasporto pubblico è incredibilmente economico e, a differenza della maggior parte dei paesi occidentali, prendere un taxi è un’opzione completamente conveniente e sicura. I taxi a Quito sono tenuti a utilizzare il tassametro e raramente costerà oltre $ 5 se si viaggia all’interno della città.

Dove dormire – Quito ha una vasta gamma di opzioni di alloggio, con qualcosa per ogni livello di comfort e budget. El Centro Histórico, il centro storico ben conservato risalente all’epoca coloniale, ha molti piccoli ostelli e pensioni, hotel di lusso e boutique. La Mariscal, d’altra parte, è un centro di backpackers poiché ha molti ostelli economici e bar e ristoranti a prezzi ragionevoli. Il suo cuore, Plaza Foch, è una zona di festa di notte ed è famosa per la sua vivace scena di bar. Il quartiere alla moda e giovane di La Floresta è perfetto per te se sei un buongustaio.

Itinerario giorno per giorno: Il meglio di Quito, Ecuador in 3 giorni

Giorno 1

A seconda dell’orario di arrivo, puoi prendertela comoda e immergerti nell’atmosfera di Quito, oppure puoi iniziare il tuo tour delle sue famose attrazioni. Dopo il vostro arrivo all’Aeroporto Internazionale Mariscal Sucre, effettuate il check-in nell’hotel/pensione preferito. Per il tuo primo giorno in città, ti suggeriamo di esplorare El Centro Histórico (il centro storico della città), che ha molti edifici protetti risalenti al periodo coloniale spagnolo. Con un centro città notevole e meno alterato dal 1534, Quito è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO. Dopo il brunch, incontra la tua guida ecuadoriana per il tuo tour storico e culturale di Quito. È possibile effettuare tour a piedi autoguidati; tuttavia, ti consigliamo di usufruire di una visita guidata in modo da poter imparare la storia e la cultura dell’Ecuador da una guida esperta.

Le attrazioni turistiche più popolari nel centro della città includono:

Nel pomeriggio, fai conoscenza con la scena culinaria della città. La gente del posto fa scorta di prodotti freschi dal Mercado Iñaquito (mercato di Iñaquito) dove servono anche almuerzo (pranzo fisso). Qui puoi assaggiare i cibi di strada dall’aspetto strano ma delizioso dell’Ecuador e frutta e verdura peculiari ma gustose. Sarai sorpreso di vedere interessanti prodotti di importazione qui dalle spezie ai liquori. Questo è Mercado Iñaquito per te, pieno di sorprese.

Giorno 2

Il giorno 2, approfondisci la cultura locale visitando Chaupi Estancia, una cantina di livello mondiale situata a soli 50 minuti da Quito. Il tour della cantina è un approccio immersivo e censorio in cui il vino prende vita. Chaupi Estancia mira a promuovere il patrimonio culturale del vino in Ecuador attraverso una visita guidata alla produzione e alla lavorazione del vino con esperti di vino. Insieme al tour informativo, i visitatori riceveranno anche un delizioso pranzo e vino nel bellissimo vigneto. Questo tour risveglierà sicuramente il tuo intenditore di vino interiore!

Terminando con la parte vinicola della giornata, è tempo di visitare una delle strade più famose di Quito: Calle La RondaSituato a sud di El Centro Histórico, questa affascinante strada risale al periodo coloniale pre-spagnolo e si è guadagnata la reputazione di quartiere bohémien alla fine del 19 ° secolo. I creativi andavano qui, poi gradualmente declinò il suo bellissimo stato quando criminali, spacciatori di droga e senzatetto si stabilirono qui. Fu solo alla fine del 20 ° secolo quando La Ronda fu restaurata.

Giorno 3

Il giorno 3, scopri la scena artistica dell’Ecuador visitando la Fundación Guayasamín, un museo dedicato al maestro scultore e pittore ecuadoriano Oswaldo Guayasamín, e Capilla del Hombre (La Cappella dell’Uomo). Questo museo a tre livelli ti darà uno sguardo approfondito sulla vita e l’arte di Oswaldo Guayasamín. Qui vedrai le sue opere e collezioni d’arte personali tra cui alcune arti precolombiane molto antiche e altri pezzi coloniali spagnoli.

La tua prossima tappa è Guápulo, un quartiere bohémien situato a soli 15 minuti da El Centro Histórico. Questo villaggio coloniale ben conservato è ricco di molte attrazioni interessanti, quindi assicurati di indossare scarpe comode e di avere la tua fotocamera completamente carica

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

7 Giorni Alle Seychelles: cosa fare e vedere

3 Giorni A Lubiana, Slovenia: cosa fare e vedere