in

Come Pianificare Un Viaggio Di Due Settimane In Nepal

I terremoti mortali che hanno colpito il Nepal il 25 aprile e il 12 maggio 2015, non solo hanno ucciso e ferito migliaia di persone, ma hanno anche causato un grave caos nelle attrazioni religiose e storiche. Nonostante gli sforzi congiunti del governo del Nepal e della comunità internazionale, l’industria del turismo sta ancora soffrendo. In questo itinerario suggerito, abbiamo cercato di colpire tutti i restanti punti storici del paese sopravvissuti al terremoto. Questo è il momento in cui i nepalesi hanno bisogno di tutto l’aiuto possibile. Viaggia nepalese ora!

Cose da sapere prima di partire per il Nepal:

Lingua – Il nepalese è la lingua ufficiale in Nepal. L’inglese viene insegnato nelle scuole ed è ampiamente utilizzato nel paese, quindi non preoccuparti di non conoscere frasi o parole locali. Tuttavia, si consiglia di imparare alcuni nepalesi o dialetti specifici di quella regione se ci si sta dirigendo verso le aree rurali.

Cambio valuta – La valuta ufficiale del Nepal è la rupia nepalese (NPR). Cambiare denaro in Nepal è facile e segue lo stesso standard in altre parti dell’Asia. La valuta può essere cambiata presso banche, aeroporti, cambiavalute autorizzati e alcuni hotel. Le carte di credito sono accettate nelle principali città e gli sportelli bancomat sono ampiamente disponibili. Il modo migliore per ottenere la valuta locale è utilizzare il bancomat e prelevare in rupie per ottenere il tasso migliore.

Sicurezza e protezione – Attualmente non esiste un avviso di sicurezza a livello nazionale in vigore per il Nepal. Controlla il sito web di consulenza di viaggio del tuo paese per ottenere le informazioni più aggiornate per la tua sicurezza personale all’estero. È sicuro viaggiare nel paese. Tuttavia, richiede preparazioni, ricerche e pratiche speciali, specialmente per le donne. Sebbene la maggior parte delle visite siano prive di problemi, rimani vigile perché piccoli crimini come borseggi e furti si verificano soprattutto nelle principali destinazioni turistiche.

Etichetta – Il Nepal ha la più grande maggioranza della popolazione indù, quindi è importante ricordare che alcune cose da fare e da non fare per godersi un viaggio senza passi falsi. È consentito scattare fotografie al di fuori degli stupa buddisti e dei templi indù. Ma cercate il permesso mentre scattate fotografie all’interno dei templi o di cerimonie religiose. Molte persone, specialmente le donne, potrebbero non essere disposte a farsi fotografare. Quando si visita un tempio, è consuetudine togliersi le scarpe prima di entrare. Camminare per i templi o gli stupa è sempre fatto in senso orario. Chiedi il permesso prima di entrare in un tempio indù poiché l’ingresso ad alcuni templi, come il Pashupatinath e il Dakshinkali a Kathmandu, è severamente vietato ai non indù. Togliti le scarpe prima di entrare in una casa nepalese. Non lasciare mai le scarpe o i sandali a testa in giù. Puoi accettare una stretta di mano offerta da un maschio o da una femmina, ma non offrire mai la tua mano prima a una donna.

Tipo di turismo – Con solo 7 giorni o meno, devi fare alcune scelte difficili per pianificare ciò che desideri per il tuo viaggio. Il tipo di turismo in Nepal può essere classificato come segue:

Turismo culturale e storico – Senza andare troppo lontano, puoi sicuramente visitare i gioielli culturali del Nepal nella valle di Kathmandu. La valle è composta da sette zone monumentali con tre palazzi storici all’interno dei loro contesti urbani (Kathmandu, Patan e Bhaktapur), due centri indù (Pashupatinath e Changu Narayan) e due centri buddisti (Swayambunath e Boudhanath).

Viaggi d’avventura – Il Nepal offre una vasta gamma di attività avventurose come il parapendio, il rafting, il bungee jumping e l’arrampicata su roccia.

Ecoturismo e turismo della fauna selvatica – Il Nepal ha diversi parchi nazionali tra cui scegliere, un esempio eccellente è il Parco Nazionale di Chitwan.

Tour di trekking – Non è possibile fare trekking al campo base dell’Everest in quanto ci vorrebbero 20 giorni in circostanze normali. Ma questo non significa che non puoi vedere il Monte Everest di persona. La tua opzione ora è quella di fare brevi trekking che sono per lo più basati su Pokhara.

Il momento migliore per viaggiare – L’autunno (tra settembre e novembre) e la primavera (tra marzo e maggio) sono le stagioni migliori per questo viaggio quando il tempo è molto piacevole e così anche le viste sulle montagne. Tuttavia, se si desidera evitare la folla e godersi la natura, questo viaggio è favorevole anche durante l’inverno (tra dicembre e febbraio).

Arrivare in Nepal:

Un biglietto aereo di andata e ritorno da New York a Katmandu parte da 806 USD (abbiamo controllato Google Flights e Tripadvisor, se hai bisogno di maggiori informazioni su dove trovare il miglior prezzo puoi consultare la nostra guida), da Hong Kong a Kathmandu è di circa 400 USD (forse dovresti considerare di esplorare Hong Kong per un paio di giorni), da Londra a Kathmandu un viaggio di andata e ritorno è di circa 765 USD e da Sydney (un’ottima scusa per trascorrere qualche giorno e scoprire cosa può offrire il New South Wales) a Kathmandu è di circa 640 USD.

Itinerario giorno per giorno: guida definitiva per principianti per pianificare un viaggio di due settimane in Nepal

Giorno 1: Kathmandu

Al tuo arrivo a Kathmandu, fai il check-in nel tuo hotel / pensione preferito a Kathmandu o Bhaktapur. Soggiorna a Kathmandu se desideri essere vicino alle attrazioni o soggiorna a Bhaktapur se ti piace un ambiente più tranquillo. Puoi iniziare il tuo giro turistico nel pomeriggio visitando alcuni dei siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO all’interno della città.

Suggerimento: Per evitare problemi all’aeroporto internazionale di Thribuvan, assicurati di avere una penna per compilare moduli, due foto formato passaporto (assicurati di averne molte in quanto ne hai bisogno per il permesso di trekking, le estensioni del visto se applicabile), dollari USA e il numero di telefono e l’indirizzo del tuo hotel / pensione.

La valle di Kathmandu è composta da tre antiche città reali (Kathmandu, Patan e Bhaktapur), due centri indù (Pashupatinath e Changu Narayan) e due centri buddisti (Swayambunath e Boudhanath). Tuttavia, Kathmandu Durbar Square ha subito gravi danni durante il terremoto del 2015 e solo un paio di pagode sono sopravvissute. Puoi esplorare un po ‘in questa zona e procedere verso il Tempio di Pashupatinath dove si trova il tempio di Shiva e considerato uno dei santuari indù più sacri del mondo. Quindi la tua ultima destinazione per la giornata è Swayambhunath, uno dei sacri Chaitya buddisti in Nepal. Lo stupa principale di Swayambhunath è ancora in piedi, con alcuni danni limitati agli edifici più piccoli nel complesso.

Giorno 2: Kathmandu

Prendi un taxi mattutino per Boudhanath Stupa, il più grande stupa della valle di Kathmandu ed è il centro di pellegrinaggio per i buddisti nepalesi e tibetani. Le strutture circostanti sembrano essere significativamente danneggiate, ma lo stupa di 1500 anni è sopravvissuto, con segnalazioni di crepe nella guglia. Se visiti la mattina presto, puoi vedere i monaci alzarsi intorno al grande stupa. I devoti offrono il culto prostrandosi sulle assi di legno. Fai una ricca colazione prima di recarti a Patan Durbar Square, 5 km a sud-est di Kathmandu.

Suggerimento: Dal momento che visiterai il resto della valle di Kathmandu in questo giorno, prendi in considerazione l’assunzione di un taxi. In questo modo puoi coprire il resto di Kathmandu e Patan in un giorno intero.

Patan, come la sua controparte Kathmandu Durbar Square, è il punto focale sociale, storico, religioso e urbano della città. La città conserva il suo fascino antico e, soprattutto, l’induismo e il buddismo coesistono qui da secoli. È come tornare indietro nel tempo perché gli edifici, le strade strette, le case di mattoni e il modo in cui le persone vivono in questa parte del Nepal rimangono come erano centinaia di anni fa. Il Sundari Chowk (cortile), così come il tempio più significativo nella Piazza Durbar il Krishna Mandir, sono sopravvissuti. Sfortunatamente, molti templi a pagoda più piccoli sono crollati e incrinati.

Giorno 3: Kathmandu

Il 3 ° giorno, dopo una colazione abbondante, dirigiti verso Bhaktapur Durbar Square, 12 chilometri a est di Kathmandu. È stato riferito che fino all’80% dei templi intorno a Bhaktapur Durbar Square sono distrutti, incluso il Tempio Batsala del 18 ° secolo. Il Tempio di Changu Narayan, un antico tempio arruolato come patrimonio mondiale dell’UNESCO, è stato riaperto al pubblico. Un’altra attrazione che dovresti vedere è Taumadhi Square, una pagoda a 5 piani sopravvissuta miracolosamente al terremoto del 2015. Anche il tempio di Nyatapola sopravvisse e non fu ridotto in macerie.

Termina la giornata a Siddha Pokhari, situato fuori da Bhaktapur Durbar Square. Questo è un luogo perfetto per la visione del tramonto dove è possibile ottenere una vista mozzafiato delle cime innevate del Nepal.

Giorno 4: da Kathmandu a Pokhara

Il giorno 4, parti questa mattina per Pokhara, una porta di trekking per i monti Annapurna. Il modo più economico per arrivare a Pokhara è prendere l’autobus turistico Kathmandu Pokhara. Il tempo di percorrenza è di circa 7 ore, che include colazione e pranzo lungo il percorso. L’autobus parte ogni giorno dal capolinea degli autobus di Kantipath a Kathmandu alle 7:00 e arriva alle 14:00 a Pokhara. Se preferisci volare a Pokhara, ci sono voli regolari da Kathmandu a Pokhara. Il volo dura circa 30 minuti e il biglietto di sola andata costa circa 90-110 USD. Controlla Buddha Air o Yeti Airlines per orari e prezzi aggiornati.

All’arrivo, effettua il check-in nella tua sistemazione preferita. Puoi iniziare il tuo tour di Pokhara nel pomeriggio prendendo una barca attraverso il lago e salire sulla collina per visitare la Pagoda della Pace MondialeQuesta zona è anche uno dei luoghi popolari per vedere la catena montuosa dell’Annapurna. Godetevi una cena rilassante in un ristorante in riva al lago.

Giorno 5: Pokhara

Inizia la giornata presto a Sarangkot, famosa per le sue viste sull’alba e sul tramonto dell’intera catena montuosa dell’Annapurna e delle valli. È meglio prenotare un taxi in anticipo. Se vuoi prenderti del tempo ammirando i panorami, puoi scegliere di tornare in città. Per gli amanti dell’avventura, Sarangkot è anche il punto di partenza per il parapendio. È possibile prenotare il parapendio nella città di Pokhara (il prezzo parte da 70 USD). Il parapendio è un volo in tandem e sarai guidato da un pilota autorizzato. Questo è un altro modo di vedere il lago Phewa e le colline pedemontane dell’Himalaya.

Torna in città e continua ad esplorare i punti di riferimento della città. Vai a Devi’s Fall, una misteriosa cascata che sfocia direttamente in un canale stretto e profondo che non ha fine. L’acqua proviene dal trabocco del lago Fewa e, secondo quanto riferito, va nella grotta di Gupteshwar che è piuttosto profonda. All’interno della profonda grotta di Gupteshwar, si trova un santuario dedicato a Lord Shiva. Dopo pranzo, visita il famoso Museo Internazionale della Montagna che registra, documenta e racconta lo stile di vita delle persone in Nepal e le attività montuose fin dai primi giorni. Il museo registra anche lo sviluppo passato e presente delle attività alpinistiche nel mondo e sull’Himalaya. Trascorri il resto della giornata al campo profughi tibetano, dove puoi avere un’idea della cultura tibetana.

Giorno 6, 7, 8 e 9: Ghorepani Poon Hill Trek

Il giorno 6, intraprendi uno dei viaggi più emozionanti a Pokhara facendo trekking su Ghorepani Poon Hill, uno dei trekking brevi più famosi del Nepal. In 4 giorni, sarai in grado di accedere ai meravigliosi punti panoramici di Poon Hill, visitare villaggi locali, passare attraverso foreste di rododendri e vedere le famose vette come Dhaulagiri e Annapurna. Sebbene il trekking a Ghorepani Poon Hill possa essere fatto in stile fai-da-te, puoi anche partecipare a un tour escursionistico per piccoli gruppi per contribuire a promuovere l’industria del turismo del Nepal.

Alcuni dettagli sul costo del Ghorepani Poon Hill Trek:

Avrai bisogno di permessi di trekking – Annapurna Conservation Area Project Permit o ACAP – 1.000 rupie (9,30 USD) a persona e TIMS Trekker’s Permit – 1.825 rupie (17 USD) a persona. È possibile ottenere i permessi rilasciati presso l’Ufficio principale del turismo di Pokhara o presso l’ufficio ACAP di Ghauri Ghat (entrambi gli uffici sono aperti dalle 10 alle 16, tranne il sabato). Ottenere i permessi non dovrebbe richiedere più di 30 minuti, ma non dimenticare di portare due foto formato passaporto. Puoi anche chiedere al tuo ospite dell’hotel o della guest house di aiutarti con i permessi (ovviamente, aspettati di pagare una piccola commissione … come meno di 10 USD).

Guida e facchino – Il prezzo qui è molto semplice – 25 USD al giorno per la guida e 15 USD al giorno per un facchino. Non c’è motivo per cui non si possa fare il trekking senza una guida o un facchino : il sentiero è ben segnalato tra i villaggi e la maggior parte delle persone lungo il percorso parla almeno poco inglese. Tuttavia, è una buona opzione se viaggi da solo … è sempre bello avere qualcuno con cui parlare e condividere le viste circostanti sulle montagne.

Attrezzatura – Un buon zaino, scarpe ancora migliori, piumino, cappello, pantaloni (preferibilmente leggeri), sacchi a pelo, bastoncini da trekking (la maggior parte degli articoli può essere noleggiata da Pokhara) e, naturalmente, tutti gli oggetti personali, tra cui biancheria intima, camicie, calze, ecc. Inoltre, non dimenticare i tuoi permessi, le mappe di trekking, la torcia elettrica, la fotocamera e le batterie extra.

Alloggi lungo il percorso – Gli alloggi lungo il percorso sono abbondanti ma essenziali… e intendiamo BASIC. Detto questo, aspettatevi di pagare da 200 a 400 rupie a notte (2-4 USD… Sì, questo è da due a quattro dollari a notte!). Se vuoi una doccia calda – aspettati di pagare circa 150 rupie per questo (1,40 USD).

Cibo – I pasti vanno da 300-1000 rupie (3-10 USD). Certo, dipende da dove sei (più in alto vai, più costoso diventa) e da cosa mangi.

Acqua potabile – È possibile acquistare bottiglie d’acqua in ogni villaggio lungo il percorso di trekking. Una bottiglia d’acqua costa tra le 80 e le 100 rupie e se hai bottiglie vuote, puoi semplicemente riempirle per quasi la metà del prezzo. Inoltre, le compresse per la purificazione dell’acqua sono in tutto il Nepal. Il marchio più popolare si chiama Aquatabs e sono estremamente facili da usare: basta aggiungere una compressa a un litro d’acqua, attendere un po ‘e Tah Dah!… ora è sicuro da bere.

Giorno 10: Parco Nazionale di Chitwan

Dopo la prima colazione, saluta Pokhara e dirigiti verso il Parco Nazionale di ChitwanQuesto sarà un lungo viaggio, ma i panorami delle rive del fiume e delle colline sono incredibili. L’autobus parte ogni giorno dal terminal principale degli autobus di Pokhara alle 7:30 e arriva intorno alle 13:00 a Sauraha, una piccola città situata appena fuori dal Parco Nazionale di Chitwan. All’arrivo, effettua il check-in nella tua sistemazione preferita.

Suggerimento: Trova un alloggio con buone recensioni e prenota con largo anticipo. Ci sono diversi alloggi nella zona cuscinetto vicino al fiume del Parco Nazionale di Chitwan dove puoi praticamente vedere la fauna selvatica dalla finestra della tua camera da letto. Ma tieni presente che soggiornare in questa zona è più costoso che stare a Sauraha. Inoltre, gli hotel e i resort non sono ammessi all’interno del parco nazionale, quindi non credere che qualcuno sostenga che la loro proprietà sia all’interno del parco.

Nel pomeriggio, inizia la tua avventura nel Parco Nazionale di Chitwan e ammira i panorami dell’abbondante fauna selvatica. Partecipa a un tour nella giungla di elefanti in cima a un elefante alla ricerca del rinoceronte con un corno maggiore (noto anche come rinoceronte indiano). Il modo migliore per vedere un rinoceronte a Chitwan è usufruire di un tour di un’intera giornata. I tour vengono effettuati la mattina presto e nel tardo pomeriggio quando escono. Quindi, se non hai visto nessun rinoceronte questo pomeriggio, hai ancora una possibilità il giorno successivo.

Giorno 11, 12 e 13: Parco Nazionale di Chitwan

Nei giorni 11, 12 e 13, salta in un safari 4×4 e continua la tua avventura safari alla ricerca di leoni, rinoceronti, coccodrilli, elefanti e bufali. Il Chitwan National Park è una delle migliori destinazioni safari in Asia, con abbondante fauna selvatica e vegetazione distinta. I game drive sono condotti da ranger esperti e qualificati e da un naturalista esperto che condividerà i segreti della natura selvaggia. Partecipare a un tour nella giungla di più giorni aumenterà la probabilità di vedere una tigre reale del Bengala.

Giorno 14: Kathmandu

Dopo una ricca colazione, saluta il Chitwan National Park e dirigiti verso Kathmandu. Una volta a Kathmandu, riposati un po ‘prima dello shopping dell’ultimo minuto. Ci sono molte opzioni per lo shopping a Kathmandu, dalle boutique di lusso agli outlet d’occasione, ce l’hanno tutti. Nella strada principale, troverete diversi negozi di souvenir turistici che vendono artigianato nepalese, oggetti in legno intagliato, gioielli e molti altri. Dopo lo shopping, puoi cenare d’addio al The Ship Restaurant Bar and Lounge (Thamel Kathmandu | Thamel, Kathmandu 0977, Nepal) a Kathmandu per celebrare il tuo viaggio di successo. Ricordati di essere in aeroporto almeno 3 ore prima del volo previsto. Il traffico a Kathmandu può essere un po ‘folle.

Questa è la fine del nostro itinerario suggerito di 2 settimane. Ricorda, questa è solo una guida per la pianificazione e non è in alcun modo, forma o forma, l’unico modo per viaggiare in Nepal. Ci sono diversi percorsi alternativi di viaggio all’interno del paese e dipenderà dalla durata prevista del soggiorno. Puoi dare un’occhiata all’itinerario di una settimana in NepalBuon viaggio!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Kuala Lumpur: cosa fare e vedere

3 Giorni A Hakodate, Giappone: cosa fare e vedere