in

Tour degli oranghi del Borneo – Cosa aspettarsi e ne vale la pena?

Hai sognato di andare in giungle remote alla ricerca di rari primati endemici? Se lo hai fatto, un tour degli oranghi del Borneo è esattamente quello che stai cercando!

Immagina la navigazione pigra attraverso un fiume color tè. Sei circondato dal denso fogliame color smeraldo della foresta pluviale e le tue narici sono piene di vari profumi irriconoscibili della giungla.

Il leggero rombo della barca è l’unica cosa che disturba l’orchestra della giungla di uccelli / scimmie. Il tuo compito per la giornata – tenere gli occhi ben aperti e individuare alcune delle creature più rare del mondo – questo è come è un tour di oranghi del Borneo!

Ora lascia che ti dica qualcosa su di me. Sono un grande succhiatore di animali! Seriamente, ogni volta che viaggio da qualche parte, la prima cosa che controllerò è: ci sono creature uniche nella zona e c’è un modo etico in cui posso godermi la loro presenza.

L’Indonesia è uno di quei paesi incredibili che hanno un sacco di cose diverse da vedere e da fare. Anche prima della mia ricerca, sapevo già che questo è uno dei pochi posti al mondo in cui puoi goderti gli oranghi in natura. Inoltre, l’isola del Borneo, con le sue vaste foreste pluviali e una quantità ridicola di fauna selvatica, è stata probabilmente la prima cosa che abbia mai messo nella mia lista dei desideri, quindi il tour degli oranghi del Borneo è stato un gioco da ragazzi.

Alcune cose sugli oranghi

Le superstar dei tour del Borneo sono gli oranghi, ovviamente. Lascia che ti dica un po ‘di più su queste affascinanti creature.

La parola orangutan deriva dalla lingua malese e significa Uomo della foresta (orang – uomo, hutan – foresta). Ci sono solo tre specie di oranghi nel mondo (e la terza è stata appena trovata nel 2017!): l’orango del Borneo, l’orango di Sumatra e l’orango tapanuli. Tutti sono in via di estinzione 🙁 Gli unici posti al mondo in cui è possibile vedere gli oranghi nel loro habitat naturale sono le foreste pluviali del Borneo e di Sumatra.

Gli oranghi sono tra i primati più intelligenti là fuori. Costruiscono nidi elaborati ogni notte e usano vari set di strumenti per l’estrazione degli insetti o la comunicazione acustica. Alla fine degli anni ’70, lo zoologo Gary L. Shapiro è riuscito a insegnare oltre trenta segni della lingua dei segni a due degli oranghi nel Tanjung Puting National Park dimostrando che gli oranghi hanno anche possibili capacità linguistiche.

Quali sono i problemi dell’orango?
Bene… come la maggior parte degli animali nel mondo, hanno un grosso problema: gli umani. Il bracconaggio, il contrabbando illegale di animali domestici o la distruzione dell’habitat hanno portato a ridurre il loro numero da 230.000 un secolo fa a poco più di 100.000 oggi.

Parco nazionale di Tanjung Puting

Situato nella provincia indonesiana del Kalimantan centrale (Borneo centrale), il Parco Nazionale tanjung Puting è una delle migliori destinazioni di ecoturismo non solo in Indonesia ma in tutto il mondo. È anche il luogo in cui si trovano la maggior parte dei tour degli oranghi del Borneo.

Ospita una grande varietà di animali (scimmie proboscide, gibboni, macachi, leopardi nebulosi, orsi del sole, cinghiali, istrici e cervi sambar. Il parco ospita anche molti rettili, tra cui coccodrilli, varani e pitoni, uccelli, tra cui buceri e martin pescatori e insetti, come la farfalla gigante del Borneo).

Ciò per cui il parco è più famoso è la sua popolazione di oranghi.

È qui che la principale esperta mondiale di oranghi – la dottoressa Birute Galdikas ha iniziato la sua carriera studiando il comportamento degli oranghi salvati e orfani che sono stati reintrodotti in natura.

Insieme ai suoi compagni Trimates – Jane Goodall e Dian Fossey, il Dr. Galdikas è uno dei motivi principali per cui le persone capiscono e stanno effettivamente cercando di proteggere le grandi scimmie al giorno d’oggi. È del tutto possibile che oggi non ci sarebbero oranghi selvatici se non fosse per lei e per gli sforzi del suo team. Un vero modello e una persona che ammiro profondamente!

Trova il miglior tour di oranghi del Borneo

Trovare un buon tour dell’orango del Borneo si è rivelata una sfida. A differenza di Balimount bromo o Komodo National Park, la parte indonesiana del Borneo non è così popolare tra i turisti, il che significa che ci sono meno informazioni a riguardo.

Le informazioni molto modeste su TripAdvisor e la mancanza di post sul blog scritti sull’argomento mi hanno fatto sentire come se stessi giocando alla grande con questo.

Alla fine, ho scritto alcune e-mail e ho scelto la migliore scelta di TripAdvisorOrangutan ApplauseLa loro offerta era di tre giorni, due notti di viaggio, e anche se non sono un grande fan dei tour organizzati, ma boooy, ho centrato il jackpot con questo!

Tour degli oranghi del Borneo – Giorno 1

Il giorno 1 inizia dall’aeroporto, quindi suggerisco di prendere il primo volo per Pangkalanbuun che puoi trovare.

All’aeroporto, un taxi mi stava aspettando per portarmi alla barca. Ho dimenticato di menzionarlo? Avrei trascorso i successivi due giorni e mezzo, su una casa galleggiante nativa del Borneo chiamata Kelotok. Questo può sembrare un po ‘spaventoso, ma la barca aveva tutti i tipi di lussi su di esso.

Acqua corrente, doccia, adeguata protezione dalla pioggia, zanzariere e persino prese di corrente lo hanno reso una casa migliore della metà degli hotel in cui ho soggiornato in Indonesia.

All’arrivo, sono stato presentato al mio equipaggio (yay avevo un equipaggio!), Ho ascoltato il programma per i prossimi due giorni e ho ottenuto alcune regole essenziali! Non toccare gli oranghi, non avvicinarti ai loro bambini, non usare il flash sulla fotocamera e non stare sotto un albero con un orango in cima (a meno che tu non voglia che facciano pipì su di te).

La barca non è ancora partita quando Orangutan Applause ha ottenuto la sua prima stella nel mio libro. Il manager – Desi, e la nostra guida – Moncos si è rivelato parlare un inglese perfetto.

È davvero un grosso problema? Sono nel settore del turismo, ovviamente, avrebbero un inglese perfetto.

Beh, sono stato in molti posti in tutto il mondo, ho avuto molte guide e quelle con un inglese perfetto erano meno delle dita di una mano veterana dell’esercito.

Il giorno precedente a Surabaya, non ho ricevuto un repellente per zanzare, qualcosa di incredibile importanza nella foresta pluviale. Quando Desi lo sentì, mandò il capitano al negozio vicino per prendermene uno. Non voleva nemmeno che pagassi per questo! Stella numero due guadagnata… e la barca era ancora ormeggiata.

Quindi tutto era pronto, e la mia tanto attesa avventura stava per iniziare!

Eravamo di fronte all’ingresso del Parco Nazionale quando ho visto alcune pinne in cima alla superficie dell’acqua. Delfini! Scherzi a parte, ho trascorso quattro giorni in Egitto alla ricerca di delfini, ed eccomi qui, nemmeno due ore trascorse nel Borneo e ne ho già viste alcune! Ero oltre eccitato in questo momento, forse la mia sfortuna con la fauna selvatica è finalmente giunta al termine!

Le ore successive sono state trascorse navigando lentamente sul fiume, dirigendoci verso la prima piattaforma di alimentazione degli oranghi e avvistando vari animali selvatici sulle coste del fiume.
L’alimentazione era alle 3 del pomeriggio, quindi siamo scesi dalla nostra barca intorno alle 2 e abbiamo iniziato a dirigerci verso di essa.

Non potevo credere alla mia fortuna! Non solo ho fatto un tour perfettamente organizzato, ma stavo anche andando a vedere alcune delle scimmie più rare del mondo, ma avevo anche Tarzan come guida! Quanto è bello?!

Dopo essere inciampati in alcune formiche giganti e un nido di ragno, siamo arrivati alla piattaforma di alimentazione. Moncos mi ha detto che di solito 3 o 4 oranghi vengono a pranzo, ma è possibile che non ce ne siano. Con la mia fortuna nella fauna selvatica, ho avuto la brutta sensazione che non ce ne sarebbero stati, e tutto ciò che vedrò sarebbe una piattaforma di legno piena di banane.

Erano già le 3, quindi i ranger del parco iniziano a chiamare gli oranghi con forti suoni “woo”. Per alcuni minuti, non è successo nulla. Poi un albero in lontananza ha iniziato a tremare, e in un minuto ho visto un piccolo ragazzo rosso oscillare dai rami, facendosi strada verso le banane.

E poi un altro albero ha iniziato a tremare, e un altro, e un altro! 3 – 4 oranghi? No, ce n’erano più di dieci in arrivo, alcune delle quali – madri con bambini.
Ero ipnotizzato.

So che tutti noi abbiamo visto gli oranghi in foto, ma… vederli di persona, vedere il modo elegante in cui si muovono (anche se sembrano nonni sovrappeso e calvi), è una storia completamente diversa. Ora sapevo perché sono chiamati uomini della foresta.

Era passata un’ora proprio così, ed era ora di tornare alla barca.

La foresta pluviale è diventata fedele al suo nome e abbiamo avuto un temporale nella notte. Anche se il mio letto era sul ponte, la nostra casa galleggiante era protetta dalla pioggia, quindi non ho avuto una goccia su di me. Sonnecchiare, con la pioggia e la giungla intorno a me, è stato il modo migliore per concludere questa fantastica giornata.

Tour degli oranghi del Borneo – Giorno 2

Dopo una colazione veloce (è bene menzionare, ho ricevuto quattro pasti abbondanti al giorno!) ci siamo diretti verso la seconda piattaforma di alimentazione. Questo era probabilmente il mio preferito. Era più vicino del primo (a circa 5 metri di distanza) e nessun albero bloccava la vista. Erano le 21, i Rangers hanno iniziato le loro chiamate “woo” e, proprio come il giorno precedente, gli alberi hanno iniziato a tremare.

Ancora una volta più di dieci oranghi si stavano dirigendo verso le banane! Questi ragazzi si sono comportati in modo un po ‘diverso però. Mentre alcuni di loro sono scesi immediatamente e hanno iniziato a mangiare, altri stavano aspettando lassù sugli alberi.

“Hanno una cultura diversa qui” (quanto è bello che gli oranghi abbiano culture diverse?!), ha spiegato Moncos.
“I più grandi scendono e mangiano per primi, mentre i giovani devono aspettare il loro turno tra gli alberi.”

Alcuni dei più piccoli avevano bambini, il che mi ha fatto sentire male per loro, ma non si può discutere con le leggi sugli oranghi.

Nel pomeriggio abbiamo avuto un secondo avvistamento di oranghi – questa volta nel famoso Leaky Camp. Era lì, la dottoressa Galdikis ha iniziato la sua ricerca sugli oranghi nel 1971 e ha continuato a farlo ancora oggi.

L’esplorazione del campo è iniziata con il centro informazioni dove posso vedere immagini curiose e storie sulla storia del campo, alcuni dei suoi famosi abitanti e persino alcuni alberi genealogici degli oranghi. Mentre si trovava all’interno del centro informazioni, il Borneo ha deciso che è tempo di piovere di nuovo. Moncos era preparato ovviamente e mi ha consegnato un poncho da pioggia. Hanno davvero pensato a tutto in questo tour!

E indovinate cosa ragazzi? L’ho fatto! Arrivato sulla piattaforma, inizio a guardare in alto nel baldacchino degli alberi, e un piccolo grasso rosso aveva fatto proprio questo! Tenendo alcuni rami e foglie sopra la sua testa. Non sembrava felice, ma non potevo fare a meno di me stesso e ridere di quanto fosse ridicolo.

La piattaforma Camp Leaky non era così vicina come le precedenti, ma abbiamo ottenuto alcuni bonus extra.

In primo luogo, c’era un maiale selvatico che vagava sotto la piattaforma, alla ricerca di banani caduti. Apparentemente, molte banane sono cadute, perché, alla fine, tre maiali erano in agguato.

Abbiamo anche intravisto, a quanto pare, un uccello molto raro. Mi sembrava un pollo di fantasia, ma Moncos mi ha informato, sei fortunato a vedere questi ragazzi una volta all’anno, e la sua faccia eccitata mi ha convinto che non stava scherzando.

La giornata si è conclusa con una passeggiata notturna alla ricerca di alcuni animali notturni. Non siamo riusciti a trovare il Tarsier del Borneo (per fortuna ho già visto questi ragazzi carini a Bohol), ma abbiamo un serpente, alcuni strani insetti, tarantole e altre cose brutte.

Tour degli oranghi del Borneo – Giorno 3

Avevo prenotato il mio volo per il pomeriggio, quindi ho avuto abbastanza tempo per finire il mio tour degli oranghi del Borneo nel modo giusto, senza fretta.

Dopo colazione, siamo andati a fare un’escursione di un’ora che termina con una visita al campo di riforestazione. Il ranger ha spiegato che avevano alcuni grandi incendi nel Borneo, costando loro una vasta area della foresta pluviale. Queste sono cattive notizie non solo per i miei nuovi amici, gli oranghi, ma anche per il mondo intero. Le foreste pluviali ricche di ossigeno del Borneo, insieme all’Amazzonia, sono considerate i polmoni della Terra.

Lo scopo della visita era quello di piantare un albero per aiutare la riforestazione del Borneo. Dato che i buchi erano già stati preparati, tutto quello che dovevo fare era prendere un albero e metterlo dentro. Gettando un po’ di sporcizia sopra di esso e voilà, avevo piantato il mio primo albero. Non era niente di speciale, ma dannatamente si sentiva bene.

La fine del tour è stata una pigra navigazione di ritorno in città.

Il tour degli oranghi del Borneo era già il miglior tour in cui sia mai stato, ma c’era un’ultima sorpresa in attesa. Sulla strada per l’aeroporto, Desi ha intercettato il taxi solo per salutarla e mi ha dato una borsa regalo con alcuni souvenir di oranghi.

Vale la pena menzionarlo; i ragazzi degli applausi degli oranghi non avevano idea che avessi un blog o che scriverò un post del genere. Il trattamento che ho ricevuto è il modo standard in cui trattano tutti i loro ospiti!

Ulteriori informazioni

Come arrivare a Tanjung Puting?

Ci sono voli giornalieri per Pangkalanbuun da Surabaya e Giacarta. Al piccolo aeroporto, sarai accolto da un autista o da un taxi e portato alla tua barca. Assicurati di lasciare al tuo tour manager quale volo stai utilizzando.

Quanto costa il tour degli oranghi del Borneo?

Mi è costato circa 600 USD per due persone. La valuta indonesiana è molto flessibile però, quindi meglio inviare una richiesta per posta a borneoprimate@gmail.com con dessy_mytourism@yahoo.com in cc.

C’è un deposito di 1.500.000 IDR / 100 USD richiesto, e il resto viene pagato sulla barca (carte di credito accettate). Puoi anche parlare con loro per pagare tutto in anticipo tramite PayPal.

Come stare al sicuro durante il tuo tour degli oranghi del Borneo?

Ascolta la tua guida e non fare cose stupide tra cui nuotare nel fiume, andare da solo nella giungla o cercare di toccare la fauna selvatica. Il Borneo è uno dei luoghi più remoti della terra e il tuo viaggio lì comporta sempre qualche rischio. Per alleviare te stesso, fai quello che faccio in tutti i miei viaggi: ottenere un’assicurazione di viaggio. Una volta che hai alcuni viaggi alle spalle, puoi facilmente apprezzare il suo enorme valore e la libertà che ti dà.

Mentre sinceramente vorrei che non dovessi mai usarlo, la vita accade (ancora di più quando sei in viaggio) ed è sempre bene essere preparati.

Cosa portare al tour degli oranghi del Borneo?

In realtà non hai bisogno di molte cose. Repellente per zanzare crema solare ovviamente. Alcune scarpe leggere con cui camminare nella giungla (non provare con le infradito, potresti calpestare alcune formiche per errore, e le formiche nella foresta pluviale sono enormi!), E il tuo miglior teleobiettivo.

Ne vale la pena il Borneo Orangutan Tour?

Assolutamente!

Non è la cosa più economica da fare in Indonesia, ma l’unicità del parco nazionale tanjung Puting e la sua biodiversità, combinata con la massima qualità del servizio, cementano questa esperienza come una delle migliori che abbia mai avuto.

Non ho idea del perché non sia così popolare come i tour delle isole di Komodo, ma sospetto che questo potrebbe cambiare presto. Ora è il momento di ottenere la vera esperienza della giungla e incontrare alcune simpatiche scimmie dai capelli rossi, senza le massicce folle, la popolarità porta inevitabilmente.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Andata e ritorno! Una storia caramoana

Come fare un’escursione sul Monte Bromo gratuitamente, senza utilizzare un tour o una guida