in

2 settimane nel Sud Est asiatico: cosa fare e cosa vedere

2 settimane nel Sud Est asiatico

Andare nel sud-est asiatico era qualcosa che ho sempre avuto in mente e che ho sempre voluto fare. Non è una destinazione facile, ma non così complicata come potrebbe sembrare all’inizio. È vero che è necessaria un’organizzazione e sicuramente questa è una delle più varie che possiamo trovare in tutto il mondo. È lì, nell’itinerario, che ho passato più tempo a pensare al quadrato. Impostare un percorso di due settimane attraverso il sud-est asiatico è qualcosa di molto personale, molto vario e diverso a seconda del tipo di viaggiatore e di ciò che si desidera.

2 settimane nel Sud Est asiatico: cosa fare e cosa vedere

Nel nostro caso questa rotta aveva come entrata e uscita la Thailandia, che ha avuto il maggior peso del viaggio. Abbiamo volato con Qatar Airways con scalo a Doha. Da qui le opzioni che vengono fuori sono molteplici. Un’opzione, che molte persone fanno, è quella di dedicare le due settimane intere al paese thailandese. Un misto tra la zona storico-culturale e quella meridionale, le spiagge. Nel mio caso personale quest’ultima, le spiagge, è ciò che mi ha attratto di meno.
Pertanto, l’opzione di andare nel sud della Thailandia, nella zona della spiaggia, è stata esclusa. Penso, e questa è un’opinione personale, che non valga la pena andare in un posto così lontano per trascorrere una settimana in spiaggia, con tutto quello che c’è da vedere in giro. Se c’è qualcosa del sud-est asiatico che ho sempre voluto visitare, è stato Angkor WatÈ il posto più visitato in Cambogia e, naturalmente, essendo in Thailandia e avendolo a portata di mano. . . Non potevo mancare.

Ero molto chiaro su ciò che volevo vedere e non tanto su ciò che non volevo vedere. Per me, ovviamente, avrei visto tutto. Ma il tempo è limitato e devi scegliere. Alla fine il percorso attraverso la Thailandia è stato più o meno chiaro e visitare i seguenti luoghi: Bangkok, la capitale e dove da sola possiamo trascorrere giorni e giorni che ci sarà sempre qualcosa da vedere sia qui che nei suoi dintorni. Né poteva mancare Ayutthaya, l’antica capitale della Thailandia. E un viaggio in questo paese non è completo se non si va a nord: Chiang Mai e Chiang Rai non potevano mancare.

Cambogia

Avendo chiaro cosa volevamo visitare in Thailandia, restava da vedere come distribuire il resto del tempoCioè, una settimana sarebbe stata la Thailandia e il resto sarebbe stato diviso tra luoghi interessanti nella zona, senza che dovessimo fare nulla di folle. Quindi, un altro luogo che non poteva mancare era quello di Angkor Wat, nel nord della Cambogia, e vedere anche la capitale di questo paese, Phnom Penh.

Qui in Cambogia, abbiamo trascorso solo tre notti, ma è stato sufficiente per vedere quello che volevamo. Due notti a Siem Reap, un luogo essenziale per essere alle porte di Angkor Wat, e una nella capitale Phnom Penh.

Singapore e Malesia

Da qui è stato riaperto il ventaglio di possibilitàÈ quasi infinito e ogni opzione sembra migliore della precedente. Infine abbiamo scelto di cercare un po ‘di contrasto e conoscere anche la parte più moderna del sud-est asiatico. Per questo non c’è posto migliore che andare a Singapore, un paese che ha subito un cambiamento spettacolare negli ultimi decenni. Un esempio di architettura, modernità e sviluppo.

La penultima tappa, l’ultima tappa prima di tornare a Bangkok, è stata la Malesia, la sua capitale Kuala LumpurÈ un’altra delle città che devi visitare qualche volta nella tua vita in questa zona dell’Asia. Una città moderna, con enormi grattacieli e dove c’è un complesso che si distingue dal resto: le Petronas Towers.

Un sacco di diversità

Quindi, questo è stato il percorso di due settimane attraverso il sud-est asiatico. L’Asia è un continente spettacolareÈ davvero vario in ogni modo e vale la pena visitare non uno, non due, non tre. . . se non tutte le volte che possiamo. Se l’Europa è un continente diversificato e ci sono importanti differenze tra i paesi, molto di più accade in Asia.

In precedenza sono stato nel continente asiatico in un paio di occasioni. Il primo è stato in Giappone, su un percorso di due settimane attraverso il Giappone. Il secondo è stato quest’anno, in Giordania. Enormi differenze tra i due paesi, così come con lo stesso sud-est asiatico. Ma anche in questo viaggio, tra Thailandia, Cambogia, Singapore e Malesia ci sono più differenze di quanto possiamo immaginare nei paesi europei.

Questa parte del mondo ti insegna molte cose e ogni paese, anche ogni città, è diversa in tutto: stile di vita, cultura, economia, paesaggi, architettura…

Come organizzare il trasporto per il percorso

Organizzare un tour di due settimane nel sud-est asiatico non è facile, come ho già detto. Ma forse la cosa più complicata è pianificare il tempo e i luoghi da visitare. Una volta chiarito questo, muoversi è davvero semplice e veloceIn questo senso mi sembra un’area geografica molto più preparata rispetto, ad esempio, a fare un percorso attraverso l’Europa orientale..

Nel nostro caso ci siamo spostati, principalmente, in aereoCi sono molte compagnie aeree che collegano le principali città di questi paesi. È davvero economico, facile e sicuro. Abbiamo volato con tre compagnie asiatiche: Air Asia (in diverse occasioni), Jetstar (quest’ultima è australiana) e Malindo AirCompriamo tutti i biglietti in anticipo, ma è anche possibile acquistarli il giorno della partenza del volo a prezzi spettacolari.

La cosa normale è che i biglietti non superano i 50€. Ad esempio, volare tra due città thailandesi costa normalmente € 20 o anche meno. Non abbiamo avuto problemi con queste aziendeBene, uno dei voli è stato ritardato di quasi un’ora, ma niente che non accadrà anche con la compagnia più costosa d’Europa.

Ci siamo anche spostati via terraPersonalmente mi piace viaggiare in treno o in autobus più che in aereo. Certo, ci sono momenti in cui è impossibile a causa delle distanze e del tempo. Abbiamo viaggiato in autobus da Chiang Mai a Chiang Rai con la compagnia GreenBus in un bellissimo viaggio pieno di vegetazione, così come un altro viaggio in una sorta di furgone collettivo tra Siem Reap e Phnom Penh, in Cambogia, dove abbiamo attraversato mezzo paese attraverso luoghi affascinanti.

Alloggio nel sud-est asiatico

Come la questione dei trasporti, gli alloggi nel sud-est asiatico sono molto facili da ottenerePossiamo trovare prezzi incredibilmente economici. Principalmente in Thailandia l’offerta è molto ampia. Non c’è problema ad arrivare in una città di medie dimensioni o turistica senza alloggio e trovare qualcosa per quello stesso giorno.

A Bangkok la quantità di alloggi è incredibile. Nel nostro caso la media per tutti i paesi ha superato a malapena i 7 € a notte. E che a Singapore la media è salita molto. Tutti gli alloggi privati, con aria condizionata (essenziale), di solito la colazione e sempre ben posizionato.

Ci sono alloggi per tutte le tascheSe qualcuno vuole dormire per 1,5 € a Bangkok, può farlo. Certo, le condizioni probabilmente non sono ideali. Devi avere un po ‘di buon senso in questo problema e sapere che per 2-3 euro in più (la differenza dal pagare € 2 al pagare 5, per esempio) avremo qualcosa di molto più decente.

Pratiche burocratiche e vaccinazioni

Chiunque prima di andare nel sud-est asiatico viene in mente la stessa cosa: quali vaccini sono necessari? Hai bisogno di molte scartoffie? E la realtà è che tutto è molto più semplice di quanto possa sembrareAlmeno per i paesi che abbiamo visitato (Thailandia, Cambogia, Singapore e Malesia) le procedure sono molto semplici.

Gli spagnoli non hanno bisogno di un visto per entrare in Thailandia, Singapore e Malesia, almeno come turisti e per un breve periodo di tempo (c’è la possibilità di avere un visto per soggiorni più lunghi). Abbiamo bisogno di un visto per la Cambogia. È una procedura molto semplice e viene eseguita all’arrivo in aeroporto. È simile al visto richiesto per l’Egitto o la Giordania. Costa $ 30 e lo paghiamo nello stesso aeroporto, compilando una domanda di visto.

proposito di vaccini, non ce n’è uno obbligatorio. Non ne indossavo nessuno. Se entriamo nel sito web del Ministero degli Affari Esteri, le raccomandazioni di viaggio per questi paesi raccomandano febbre tifoide, tetano o epatite A e B. Sono raccomandazioni, ma non sono affatto necessarie a meno che tu non abbia intenzione di andare per soggiorni molto lunghi, vivremo in luoghi rurali, in fattorie di animali, ecc.

La malaria, un altro problema che preoccupa molti viaggiatori, è praticamente inesistente. Lo stesso vale per la dengue. Ci sono casi e queste malattie non sono completamente sradicate, ma sono molto isolate e di solito si verificano solo in aree remote e isolate o nel mezzo della giungla. Sì, devi prestare un po ‘di attenzione al problema delle zanzareÈ meglio usare repellente (mai comprato in Spagna e sì lì, nella destinazione stessa) e non dormire con le finestre aperte. La strana beccata di zanzara è inevitabile, ma niente di speciale.

È importante viaggiare nel sud-est asiatico con un’assicurazione medicaOgni volta che lasciamo l’Unione europea, e quindi siamo senza copertura medica, è fondamentale avere un’assicurazione di viaggio. Non sai mai cosa può succedere. Intossicazione alimentare, un problema fisico… Anche problemi con ritardi dei voli e perdita di uno scalo, bagagli, ecc. Ogni volta che lasciamo l’UE, stipuliamo un’assicurazione per ciò che potrebbe accadere.

Consigliamo l’assicurazione IATI, che oltre ad avere prezzi molto competenti è la migliore assicurazione per viaggiare. È progettato specificamente per questo, per i viaggiatori. Quindi, le coperture sono ideali per le nostre avventure. Se lo noleggi tramite questo link o banner avrai uno sconto del 5% sul prezzo originale.

Sicurezza

Devo dire che sono luoghi tremendamente sicuriLa Thailandia è un paese molto preparato e abituato a ricevere turisti. Nessuno avrà problemi di alcun tipo finché si dispone di misure di sicurezza logiche come ovunque. Ma oso assicurarvi che è più probabile subire una rapina in qualsiasi città europea o addirittura spagnola, che tailandese.

Nel caso della Cambogia, ci sono stati casi di rapine di turisti. Sono stato in grado di informarmi di alcuni casi di tirare gli stranieri quando sono montati su tuk tuk. Infatti, nella capitale, Phnom Penh, la maggior parte dei tuk tuk ha una sorta di recinzione protettiva in modo che nessuno possa dare la tipica trazione alla borsa di qualcuno che è seduto.

Singapore e Malesia, almeno le aree che abbiamo visitato, sono totalmente sicure. In nessun momento abbiamo visto nulla di strano.

Pertanto, l’itinerario di due settimane attraverso il sud-est asiatico era il seguente:

Giorno 1: Arrivo a Bangkok in mattinata. Visita alcuni luoghi interessanti della città e avere un contatto con la Thailandia.

Giorno 2: Visita di Ayutthaya, l’antica capitale al mattino. Nel pomeriggio continuate a conoscere Bangkok.

Giorno 3: Al mattino siamo andati al mercato ferroviario di Maeklong e al mercato galleggiante di Damnoen Saduak. Nel pomeriggio rientro a Bangkok e visita di altri luoghi della capitale.

Giorno 4: Al mattino arrivo in alcune zone di Bangkok. Nel pomeriggio volo per Chiang Mai, nel nord del paese.

Giorno 5: Intera mattinata visitando Chiang Mai, la città dei templi e una delle più belle del paese. Nel pomeriggio saliamo a Doi Suthep.

Giorno 6: Autobus da Chiang Mai a Chiang Rai. Il resto della giornata ben trascorso visitando questa città.

Giorno 7: Volo da Chiang Rai a Siem Reap (Cambogia). Nel pomeriggio visitiamo il villaggio galleggiante Chong Kneas.

Giorno 8: Visita ad Angkor Wat, il luogo più turistico e importante del paese.

Giorno 9: Autobus mattutino da Siem Reap a Phnom Penh. Nel pomeriggio visitiamo alcuni dei luoghi più interessanti della capitale cambogiana.

Giorno 10: Al mattino finisci la visione di Phnom Penh e nel pomeriggio volo per Singapore.

Giorno 11: approfittate del poco tempo che abbiamo avuto per vedere Singapore e nel pomeriggio volo per Kuala Lumpur.

Giorno 12: in mattinata visita alle grotte di Batu, luogo essenziale. Nel pomeriggio conosci i luoghi più interessanti della capitale malese.

Giorno 13: Ultima mattina a Kuala Lumpur e volo di ritorno a Bangkok.

Giorno 14: Volo di ritorno in Spagna.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Villaggio galleggiante Chong Kneas

Villaggio galleggiante Chong Kneas: cose da non perdersi

Visitare Angkor Wat

Visitare Angkor Wat: consigli utili