in

Villaggio galleggiante Chong Kneas: cose da non perdersi

Villaggio galleggiante Chong Kneas

Eravamo appena arrivati in Cambogia dalla Thailandia e abbiamo escogitato un piano interessante per quel pomeriggio: visita al villaggio galleggiante Chong Kneas, sul lago Tonle SapÈ il più grande lago del sud-est asiatico e si trova vicino a Siem Reap, una città da non perdere in questo paese per essere la più vicina ad Angkor Wat. Questa visita è stata molto interessante e ci sono alcune cose importanti da raccontare e che possono tornare utili per i turisti.

Villaggio galleggiante di Chong Kneas

Il villaggio galleggiante Chong Kneas si trova a circa 12 km a sud di Siem ReapPer arrivare qui è normale farlo in taxi o tuk tuk. I taxi non sono abbondanti in questa zona della Cambogia. Un’altra opzione è quella di arrivare in bicicletta. Nel nostro siamo quasi andati in taxi dall’aeroporto. Come ho detto nel precedente articolo, non avevamo altra scelta che andare in taxi in città e lo stesso tassista ha proposto il piano.

Non era economico per quello che è il paese, anche se in Cambogia, ancora di più a Siem Reap, tutto ciò che riguarda il turismo è davvero costosoCi ha fatto pagare $ 20 per portarci al Lago Tonle Sap, che è dove si trova il villaggio galleggiante, e tornare in città. Naturalmente, abbiamo aspettato per più di un’ora che è durata la nostra visita.

Ci sono molte agenzie a Siem Reap che organizzano escursioni al lago e al villaggio galleggiante. Anche se non è stato il nostro caso, può essere molto interessante prenotare una visita con una di queste agenzie. Può essere più economico che andare da soli in taxi o tuk tuk.

Come ho detto, la roba turistica qui è molto costosa. L’ingresso al villaggio galleggiante ci è costato $ 25Penso che sia un prezzo eccessivo, onestamente. Ma hey, immagino che sia qualcosa che deve essere fatto e la verità è che ne è valsa la pena. Appena entrati, è arrivato un ragazzo che ha fatto da guida e ci ha portato alla barca che corrispondeva a noi.

Chong Kneas è un piccolo villaggio galleggiante che conta circa 6.000 abitanti. La guida ci ha detto molte cose interessanti, anche se quando ha visto che non eravamo turisti che abbiamo lasciato andare i soldi facili, poi si è zittito e si è persino addormentato in barca sulla via del ritorno. Ma beh, te ne parlerò più tardi.

In questo villaggio hanno una scuolaun centro medicouna chiesa cattolica e molte bancarelle. La verità è che è molto orientata al turismo. Sembra anche che dove hanno la scuola e il centro medico è solo per i viaggiatori da vedere. In ogni caso, possiamo anche vedere case reali di persone che vivono lì.

La cosa curiosa di questo villaggio galleggiante in Cambogia è che le persone non vivono qui nello stesso punto del lago tutto l’anno; Nella stagione secca, che dura alcuni mesi, si spostano qualche chilometro più all’interno. Spostano le loro case galleggianti, la scuola, i negozi… Tutto rimane uguale, ma da qualche altra parte. Qui vivono principalmente di pesca. Ma, naturalmente, è un posto molto turistico e forse è quello che aiuta le persone a continuare a vivere qui. Almeno un numero così alto. Il modo di muoversi, ovviamente, è in piccole imbarcazioni.

Attenzione alle truffe

Il tassista, prima di arrivare, ci ha avvertito delle pratiche che usano qui per ingannare i turisti. Non ha fallito in tutto ciò che ci ha detto. Sono sicuro che molti viaggiatori ingrassano inconsciamente i soldi della mafia che si muove qui. Ecco perché voglio spiegarlo per evitare che i turisti vengano ingannati.

Fin dall’inizio la guida della barca ha iniziato a dirci che c’era una scuola con bambini orfani, che non aveva risorse dal governo o da nessun altro e che viveva grazie alla carità dei turisti. Ci ha detto che potevamo comprare il riso in un negozio galleggiante e che questo riso andava direttamente ai bambini in modo che potessero mangiare.

Il tassista ci ha avvertito di questo. È qualcosa che dicono sempre ai turisti di cercare di ingannarli. Quel riso che i viaggiatori stranieri presumibilmente comprano, non va ai bambini. Quei soldi, che tra l’altro dico non sono affatto economici, vanno direttamente alla mafia che hanno montato. È un trapicheo che hanno tra le guide delle barche e quelli che sono nel presunto negozio a vendere riso solo per quei presunti bambini orfani … È tutta una bufala.

La guida ha insistito molto durante il viaggio che andiamo al negozio per comprare riso per i bambini. Non avevamo intenzione di comprare, ovviamente. Non avevamo intenzione di contribuire con denaro a una mafia che approfitta della buona fede della gente. Siamo ancora andati in quel negozio. Che non era davvero un negozio o altro. Era semplicemente una casa galleggiante, probabilmente la stessa che era lì in attesa di soldi freschi. C’erano alcuni sacchi di riso e ci ha detto che ognuno costava $ 25 e che stava andando per i bambini.

In primo luogo, la cosa di cui sopra è che tutto è un inganno e che questi soldi non vanno a nessuna scuola per bambini orfani. La seconda cosa è che quei sacchi di riso sono impossibili da costare $ 25Non ne vale la pena in Spagna o in qualsiasi paese europeo, tanto meno in Cambogia, dove è ciò che è più abbondante ed è il cibo più economico. Enorme truffa e per di più mal fatto per chiunque tenga presente che quel sacco di riso è impossibile da costare quei soldi.

Ma dico, la guida insiste molto. Che compriamo, che se non abbiamo soldi in cima non succede nulla, poi ci accompagna al taxi e lo diamo anche in euro, ecc. Sicuramente sono 25 dollari pieni da distribuire tra lui e quelli del luogo dove si trova il riso. Qui ha già visto che non eravamo turisti che avrebbero lasciato cadere soldi facili, ancora di più nelle truffe.

Visitare il villaggio galleggiante di Tonle Sap

Da qui ci hanno portato in barca a visitare un po ‘il villaggio galleggiante del lago Tonle Sap. Fondamentalmente le aree più ampie, dal momento che c’erano posti più stretti che ci dicevano che dovevamo entrare in barche più piccole. Ci ha offerto di farlo ma il prezzo sembrava esageratamente costoso. Non ricordo esattamente quanto ci abbia detto, ma era qualcosa come $ 20 in più a testa.

Siamo andati in una zona fatta solo per i turisti. Si tratta di un complesso di diversi piani, tutti galleggianti naturalmente, che ha negozio, ristorante e una parte alta da dove ci sono belle viste. Nel negozio avevano prodotti solo per i visitatori. Souvenir tipici. Qui non ci siamo fermati molto perché la verità non era qualcosa che ci interessava eccessivamente. Siamo saliti solo perché da qui ci sono belle viste ed è interessante.

Voglio parlare di come hanno preparato questo per il turismoAppena arriviamo a questo complesso possiamo vedere un fossato con decine di coccodrilli. La guida della barca ci ha detto che in questo lago non ci sono coccodrilli, li hanno solo nelle fattorie. Qui su questo sito ne avevano decine e sicuramente ce l’hanno solo per i turisti.

C’era anche una gabbia con un serpente e altre gabbie con altri animali. Non lo so, un po’ strano questo. Una sorta di mostra di animali per i viaggiatori per vedere ed essere felici di vedere animali “esotici” in una gabbia.

La guida ha visto che siamo arrivati di nuovo alla barca senza borse piene di shopping e avrebbe sicuramente pensato che non eravamo turisti che gli avrebbero lasciato soldi. Il viaggio di ritorno non disse quasi nulla e si sdraiò sulla barca per dormire.

Quando siamo tornati al porto, il tassista ci stava aspettando lì. Sia la guida della barca che quella che l’ha guidata, ci hanno chiesto una mancia. Non gli abbiamo dato nulla, penso che già con i $ 25 dell’ingresso sia più che sufficiente. Ma pensandoci freddamente, al di là del tentativo di truffa che hanno preparato per ottenere i soldi dal riso, penso che queste persone fondamentalmente vivano di mance. Cioè, né colui che guida la barca né colui che funge da guida avrà uno stipendio. Vivono di ciò che danno loro come mance. È quello che penso, ma non lo so.

La mia opinione sulla visita

Devo dire che la visita al villaggio galleggiante Chong kneas è molto interessanteMi è piaciuto. In effetti è stato uno dei migliori in Cambogia. La guida, almeno all’inizio, ci ha raccontato cose molto interessanti su questa città che non sapevo. Vedete il modo di vivere che hanno in un posto del genere. Qualcosa di totalmente diverso da qualsiasi altro posto.

Il sito è spettacolareIl lago Tonle Sap è il più grande del sud-est asiatico. Ci sono immagini incredibili con le aree di vegetazione che cresce nell’acqua (nella stagione secca tutto sarà esposto).

Allo stesso modo devo anche dire che considero l’ingresso piuttosto costosoSono $ 25, che per questo paese sono un sacco di soldi. Ma, naturalmente, molti turisti arrivano qui. E’ un buon affare che hanno creato. Senza dubbio la cosa più negativa che ho visto nella visita è stato il modo in cui vogliono ingannare i turistiCapisco che se vai in una città, in un paese, che è turistico, hanno i prezzi dei ristoranti più costosi, che cercano di venderti un semplice portachiavi per diversi euro quando in realtà non costa quasi nulla, ecc. Alla fine della giornata vivono di questo ed è il loro modo di fare soldi. Quello che non vedo bene è che ingannano i viaggiatori con qualcosa come far loro credere che se pagano $ 25 per un sacco di riso, grazie a ciò mangeranno bambini orfani quando tutto è una bugia.

Il problema è che molti viaggiatori arriveranno qui, parleranno loro di bambini orfani, vorranno collaborare e alla fine lasceranno un pascolo sul sito. La cosa normale è che arrivano in taxi, che di solito costa $ 20 (sicuramente anche di più in alcuni casi), $ 25 l’ingresso, $ 25 per collaborare con il riso (e se comprano solo un sacco), la mancia al conducente della barca, la mancia alla guida, la mancia a un bambino che era in barca (che non avrebbe superato i 10 anni ma ci ha anche chiesto soldi alla fine) …

Arrivo a Siem Reap

Lo stesso autista si è offerto di portarci il giorno successivo ad Angkor WatLa verità è che a buon mercato non era. Abbiamo visto opzioni su Internet e in tuk tuk era molto più economico. Sicuramente con un taxi o una guida in giro per la città, contrattando, ha preso anche per meno. Anche così, e per non dover cercare qualcosa e lasciare una cosa al sicuro, abbiamo accettato di andare con lui. La verità è che l’uomo era una buona guida. Ha spiegato che era un insegnante di storia in una scuola, ma che difficilmente venivano pagati lì e che doveva guadagnarsi da vivere in un altro modo. Ci è costato $ 50 il tempo in cui stavamo vedendo i famosi templi cambogiani.

Già nella città di Siem Reap, ci ha portato al nostro ostello. Siamo stati finalmente in grado di lasciare i bagagli. Le prime impressioni della Cambogia indicavano che era un paese molto diverso dalla Thailandia. Un sacco di povertà, la città non aveva nulla a che fare con i thailandesi e nemmeno l’ostello. All’esterno qualcosa trascurato. Ma la stanza non era male.

Prima di partire, ma già all’ostello, abbiamo ricevuto una e-mail dalla compagnia di navigazione con la quale saremmo andati da Siem Reap a Phnom Penh, la capitale, due giorni dopo. Ci hanno detto che per i lavori nel porto, da quel giorno a quel giorno era chiuso e che le navi non potevano partireAbbiamo pensato che fosse abbastanza strano, ma il punto è che non potevamo prendere quella barca. Abbiamo dovuto cercare un’altra opzione e la compagnia stessa ci ha offerto di andare in un furgone VIP dandoci la differenza di denaro rispetto alla barca. Abbiamo accettato, dal momento che in qualche modo dovevamo andare. Siamo rimasti un po ‘sconvolti dai nostri piani, non a causa di problemi di tempo, ma a causa del fatto di fare questo tour di circa 8 ore in barca, che è stato molto bello.

La stessa città di Siem Rep non ha nulla. È tremendamente turistico perché è il luogo in cui i visitatori scelgono di dormire, essendo vicino ad Angkor Wat. C’è una zona chiamata Pub Street che è piena di bar, ristoranti per occidentali e tutti pieni di luci. Un contrasto brutale con quello che si trova a poche centinaia di metri di distanza.La città di notte

Quella sera abbiamo cenato in un ristorante che era vicino all’ostello e sembrava buono. La verità è che non era nulla di locale. Era tutto orientato verso gli stranieri, ma abbiamo mangiato abbastanza bene e ad un buon prezzo.

Come la maggior parte delle città in questa zona dell’Asia, ha un mercato notturnoÈ piuttosto grande e ci sono molti oggetti souvenir e quello. Consiglio di acquistarlo qui invece che altrove perché è più economico.

Senza molto altro e dopo aver trascorso un po ‘di tempo nella Pub Street, siamo andati a dormire. Il giorno successivo è stata una delle visite più interessanti di tutto il viaggio attraverso il sud-est asiatico: Angkor Wat.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

21 giorni in Cina: come organizzare il viaggio

2 settimane nel Sud Est asiatico

2 settimane nel Sud Est asiatico: cosa fare e cosa vedere