Introduzione: il sistema educativo sudafricano

Il sistema educativo sudafricano

In Sud Africa, ci sono più di 27.000 scuole accessibili a 12 milioni di studenti. Solo 1.000 di queste scuole sono private.

Durante l’Apartheid, gli studenti bianchi ricevevano un’istruzione di qualità praticamente gratuitamente, mentre gli studenti neri avevano accesso solo a un’istruzione limitata ( Bantu Education ). Questo sistema ineguale è stato abolito nel 1994, ma la sua eredità rimane. Le aree povere e rurali hanno ancora risorse limitate rispetto alle grandi città e i livelli di analfabetismo sono ancora elevati tra la popolazione adulta. Il governo sta lavorando duramente per migliorare la qualità del sistema educativo annunciando riforme e dando maggiore importanza alle lingue indigene.

L’istruzione è obbligatoria per i bambini dai sette anni in su, indipendentemente dalla loro razza e dal loro background religioso. Devono frequentare la scuola fino al compimento dei 15 anni o al completamento del nono anno scolastico.

I bambini possono facoltativamente frequentare il cosiddetto “anno di accoglienza” (anche grado R o grado 0 ), dall’età di quattro anni. La prima elementare inizia all’età di cinque o sei anni.

Ci sono tre fasi principali dell’istruzione:

  • Istruzione e formazione generale, che copre gli anni dell’istruzione obbligatoria (dal grado 0 al grado 9). Include anche l’istruzione e la formazione di base per adulti.
  • Ulteriore istruzione e formazione, che copre i gradi da 10 a 12, compresa l’istruzione e la formazione orientate alla carriera presso istituti tecnici, comunitari e privati. Le qualifiche riconosciute a questo livello sono diplomi e certificati.
  • Istruzione e formazione superiore, nota anche come istruzione terziaria. Copre diplomi universitari e post-laurea, certificati, diplomi e dottorati.

L’istruzione domiciliare è legalmente accettata in Sud Africa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Itinerario di 3 giorni a Osaka: guida completa + gita di un giorno a Nara

Com’è davvero vivere a Wellington, in Nuova Zelanda?