in

Viaggio a Xian: cosa non perdere

Giornata molto intera visitando Xian dalla mattina presto. Siamo andati a visitare i Guerrieri di Terracotta alla primissima ora e in questo modo evitare code e poter approfittare della giornata in città per vedere altre cose. Abbiamo trascorso una giornata intensa e vedere altri siti come la Pagoda della Grande Oca Selvatica, la piccola pagoda o camminare sul muro sopra.

I guerrieri di terracotta di Xian

Così, quel giorno ci siamo alzati presto e verso le 6 del mattino abbiamo lasciato l’alloggio verso la stazione ferroviaria, anche se abbiamo dovuto prendere un autobus. In un articolo spieghiamo in dettaglio come arrivare da Xian ai Guerrieri di Terracotta. Ci sono diverse opzioni e abbiamo preso l’autobus 306Costa 7 yuan (poco meno di € 1) e impiega circa un’ora per arrivare.

Il primo autobus parte alle 07:00h e quello è stato quello che abbiamo preso. Parte dal lato est della stazione. È in uno spazio dove ci sono molti autobus e possiamo vedere il numero 306 e il percorso 5. Si forma una coda e le persone entrano per ordine. Si consiglia di essere un po ‘prima delle 7 se vogliamo uscire nel primo.

Siamo arrivati poco dopo le 08:00 ai Guerrieri di TerracottaL’autobus ferma a circa 300 metri dall’ingresso. La prima cosa che abbiamo fatto è stata andare a comprare i biglietti. A quel tempo c’erano pochissime persone. Eravamo in fila e c’erano a malapena 10 o 12 persone davanti. Ben presto le code cominciarono ad aumentare.

Come è successo nella stragrande maggioranza delle visite che abbiamo fatto durante il percorso di tre settimane attraverso la Cina, si consiglia vivamente di andare prestoSe possibile, anche se per questo devi alzarti abbastanza presto, l’ideale è entrare alle 08:30h, che è quando si aprono. È meglio vedere i guerrieri di terracotta senza grandi folle.

L’ingresso ai Guerrieri di Terracotta costa 120 yuan (circa 15€) anche se in estate e alta stagione costa 150.

I Guerrieri di Terracotta sono composti da tre padiglioniIl principale è il padiglione 1, dove si trovano tutti i guerrieri che possiamo vedere nella maggior parte delle foto. Gli altri padiglioni sono ancora in fase di ricostruzione e uno di questi è dove hanno un museo per vedere la loro storia. Senza dubbio questo sarà più spettacolare in pochi anni.

La prima cosa che abbiamo visitato è stata la stanza dove si trovano il museo e la mostraQui puoi imparare tutta la storia relativa ai guerrieri di terracotta, come sono stati scoperti nel 1974 e l’intero processo di ricostruzione fino a quello che possiamo vedere oggi. Si consiglia di visitare prima questo per avere una migliore percezione di ciò che vedremo.

Dopo una breve visita al museo ci siamo diretti al padiglione numero 1È senza dubbio il più spettacolare. Ecco la stragrande maggioranza dei guerrieri che sono riusciti a ricostruire. Tieni presente che la visita viene effettuata a una distanza considerevole da loro. Lo vediamo dall’alto e poi camminiamo lungo i lati.

Senza addentrarci troppo nella storia dei Guerrieri di Terracotta, riassumendo possiamo dire che ognuno dei guerrieri è diverso e sono progettati su scala reale come se fosse una persona. Ci sono circa 8000 figure, cavalli, carri… Sono stati costruiti vicino a dove il primo imperatore cinese, Qin Shi Huang, fu sepolto circa 2200 anni fa.

Nell’altro padiglione, oltre a vedere alcuni esempi di figure che hanno in mostra, possiamo vedere un grande spazio ancora con il lavoro davanti. Sicuramente tra qualche anno sarà come quello che vediamo nel padiglione 1.

Abbiamo trascorso poco più di un’ora durante la visita. Quando siamo entrati non c’era coda, come abbiamo detto, e abbiamo visto tutto praticamente persone. Tuttavia, quando siamo partiti abbiamo visto un numero enorme di persone in coda per entrare. Ecco perché è importante andare per prima cosa al mattino ed essere in grado di godersi di più la visita, soprattutto se andate con dei bambini.

La Pagoda della Grande Oca Selvatica o Pagoda della Grande Dayanta

Verso le 11 del mattino eravamo di nuovo a Xian. Davanti avevamo ancora diverse visite per quella che sarebbe stata una giornata abbastanza piena. Abbiamo voluto visitare la Pagoda della Grande Oca Selvatica, che si trova a sud della città. Avevamo visto che c’erano autobus diretti dalla stazione ferroviaria a lì, ma non li abbiamo visti così prima e invece di perdere tempo a cercarli abbiamo deciso di andare sul sicuro e andare in metropolitana, che alla fine avrebbe preso meno.

La metropolitana di Xian, come in tutte le città della Cina che abbiamo visitato e che avevamo questo mezzo di trasporto, è molto semplice ed efficiente. È abbastanza facile orientarsi ed è anche molto economico.

A quell’ora ed essendo domenica c’erano abbastanza persone in questa zona della città. Verso le 12 del mattino arriviamo all’ingresso del recinto dove si trova la Pagoda della Grande Oca Selvatica. È anche conosciuta come la Grande Pagoda DayantaCosta 40 yuan (circa 5€) e il biglietto non permette di salire al piano superiore; Devi acquistare un biglietto aggiuntivo se vuoi salire.

Abbiamo completamente escluso di salire, poiché la coda era davvero esagerata. Potremmo perfettamente buttarti lì per circa due ore di coda e non era qualcosa che volevamo davvero. Preferiamo vedere l’intero recinto intorno alla Pagoda della Grande Oca Selvatica di Xian.

Questo complesso è abbastanza grande. Tra le altre cose possiamo vedere la grande sala di Sakyamuni, una delle parti principali di questo tempio. Va detto che sebbene l’icona sia la grande pagoda, tutto ciò che è intorno è il Tempio della Grazia Materna (o Da Ci’en). Ci sono diversi edifici molto belli, come il Palazzo Tusita, che ospita una statua dorata di Maitreya alta 2,7 metri.

Originariamente la pagoda aveva cinque piani ma in una ricostruzione dell’VIII secolo ne furono aggiunti altri cinque fino a raggiungere i dieci. Tuttavia, ci sono state guerre che hanno seriamente danneggiato questo edificio e attualmente ha solo sette piani e misura 64 metri.

La sala nell’ultima parte del tempio (quella più lontana dall’ingresso) è, a mio parere, una delle più belle. Da qui c’è un’immagine perfetta della pagoda.

Siamo stati poco più di mezz’ora in questo complesso dove si trova la Grande Pagoda Dayanta. Naturalmente, non siamo saliti alla pagoda, il che avrebbe significato passare molto più tempo.

La piccola pagoda di Xian

Xian Small Pagoda o Piccola Pagoda Wild Goose si trova a circa 5 km dalla precedente. Siamo andati qui in metropolitana, anche se abbiamo dovuto camminare per un po ‘fino alla fermata. Lungo la strada abbiamo visto uno spazio con un sacco di movimento di persone. Una bella piazza con sculture e una grande fontana. Sembra che di notte facciano spettacoli qui.

Siamo arrivati alla piccola pagoda Xian. È all’interno di un parco e il suo ingresso è gratuito, anche se devi mostrare il passaporto e ci danno un biglietto. All’interno ci sono diverse aree, tra le quali possiamo evidenziare un curioso patio, dove ci sono diverse botteghe artigiane. Una specie di giardino zen.

La piccola pagoda fu costruita nel 707 durante la dinastia Tang. Ci sono diversi templi e bei palazzi da vedere. Niente a che vedere con il numero di turisti. È un posto molto più tranquillo.

Dopo aver visitato la piccola pagoda di Xian era già ora di mangiare. Erano le 2 del pomeriggio ed eravamo stati via dalle 6 del mattino. Abbiamo trovato un posto molto locale in una zona non turistica. Andava bene perché potevi scegliere quello che volevi e lo gettavano su un piatto. Avevano un po ‘di tutto.

Questi luoghi di strada sono altamente raccomandati per mangiare in Cina. Logicamente il prezzo è super economico. In questo caso abbiamo pagato solo 12 yuan (€ 1,5). Il posto era molto adatto alle famiglie.

Il muro di Xian

Senza fermarci a lungo siamo andati verso il muro di XianQuesta volta abbiamo camminato, dato che non era più di 1,5 km da dove eravamo. È senza dubbio un altro posto da visitare a Xian.

Per visitare il Muro di Xian ci sono diversi ingressi e si può visitare nella sua interezza. Siamo andati nella parte meridionale. Abbiamo pagato 54 yuan per entrare (circa 7 €). Qualcosa di molto comune è percorrere il muro di xian in bicicletta come ha fatto Alberto nel suo viaggio nel 2016.

In totale misura 14 km. La sua costruzione avvenne nel XIV secolo. Logicamente viaggiare è fattibile solo se andiamo in bicicletta, a meno che non vogliamo camminare molto. Abbiamo fatto un tour dalla porta sud a ovest fino a quando non abbiamo deciso di partire. Ci sono uscite secondarie lungo il percorso.

Quartiere musulmano di Xian

Il giorno prima abbiamo visitato il quartiere musulmano di Xian e la sua Grande Moschea. Tuttavia la giornata non è stata molto buona e abbiamo avuto pioggia. Era una zona della città che ci piaceva molto e volevamo tornare per vederla meglio.

Il quartiere musulmano di Xian è assolutamente da vedere in questa città della Cina. È meglio perdersi nelle sue strade, sempre con molta vita e numerosi negozi. Saremo in grado di provare prodotti molto vari. È una buona zona per mangiare.

Questa volta ci addentriamo nella zona veramente locale, dove troverete il mercato di strada di prodotti freschi di ogni tipo. Va detto che è un po ‘folle. C’era molta gente e la cosa peggiore di tutte è che in una strada con una larghezza normale e totalmente piena di gente, si potevano trovare motociclette che cercavano di passare ovunque. Un po ‘di caos ma sicuramente gli dà quel tocco interessante.

L’area principale è fondamentalmente composta da due o tre strade. È qui che vedremo molti posti dove mangiare, negozi di souvenir e molti turisti. Se entriamo attraverso strade più secondarie è dove possiamo vedere le aree davvero più locali.

Questo ha posto fine alla visita di XianÈ sicuramente una città che deve entrare in un itinerario attraverso la Cina. Non solo ha i guerrieri di terracotta, motivo per cui molti viaggiatori vengono qui. Vale anche la pena visitare siti come la Pagoda della Grande Oca Selvatica, il Campanile e la Torre del Tamburo, così come il suo quartiere musulmano.

Quel giorno per cena abbiamo deciso di soggiornare presso l’ostello ancora una volta. Non c’era molta varietà intorno all’area vicino a dove alloggiavamo e abbiamo optato per quello. Il giorno dopo, molto presto, eravamo di nuovo fuori per prendere il treno per la nostra prossima destinazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Una giornata a Leshán: cosa vedere

Un giorno a Pingyao: cosa vedere