in

Una giornata a Leshán: cosa vedere

Iniziamo una delle tappe più emozionanti del viaggio attraverso la Cina. Per quel giorno avevamo programmato la visita al Grande Buddha di Leshan, un luogo essenziale in questa zona del paese, nonché capitale orientale del BuddhaÈ stata una giornata intensa, poiché dopo questa visita abbiamo dovuto prendere un treno notturno da Chengdu per raggiungere Fenghuang, dopo esserci fermati a Tongren. Una delle parti del viaggio in cui non avevamo tutto organizzato e abbiamo dovuto improvvisare alcune cose.

Così, quel giorno siamo partiti molto presto dall’ostello di Chengdu dove alloggiavamo. Il giorno prima l’addetto alla reception ci ha prenotato un taxi tramite un’app cinese (Didi o simile credo) e intorno alle 6 del mattino eravamo fuori e il taxi ci aspettava. Il prezzo per la stazione ferroviaria come detto dall’addetto alla reception era di 20 yuan (€ 2,50). Alla fine l’uomo ha messo il contatore ed è uscito 24 yuan, che era il prezzo che ci ha fatto pagare.

L’idea era di prendere il primo treno per LeshanIn un precedente articolo abbiamo spiegato come arrivare da Chengdu al Grande Buddha di Leshan. Volevamo sfruttare al massimo la mattinata e non avere problemi di tempo, dato che nel pomeriggio dovevamo prendere un altro treno quasi subito.

Il problema è che abbiamo dovuto andare con i bagagli. Avevamo in mente di lasciarlo in una zona biglietteria che si trova nella stazione est di Chengdu, che abbiamo visto il giorno prima, ma non hanno aperto fino alle 7 e il nostro treno è partito in quel momento, quindi impossibile. Quindi abbiamo dovuto portare tutto con noi nella speranza che a Leshan potessimo lasciarlo.

Il viaggio in treno è durato circa un’ora. È un treno ad alta velocità e a volte ci vuole anche meno. Siamo arrivati poco dopo le 8 del mattino a Leshan, come era nostra intenzione, per prendere l’autobus della città lì per la zona del Grande Buddha. Il problema è che alla stazione ferroviaria di Leshan non c’è un deposito bagagli. Lì ci dissero in informazioni che il Buddha gigante poteva lasciarlo.

Il Grande Buddha di Leshan

Appena arrivati, la prima cosa che abbiamo fatto è stata cercare di lasciare i bagagli vicino al Grande Buddha di LeshanNon esiste un sito ufficiale per questo, ma un negozio ha cercato qui per l’attività e consente di depositare i bagagli delle persone per 10 yuan (poco più di 1 euro). Il negozio si chiama reparto vendita al dettaglio Jingyuan e rende molto visibile il “deposito bagagli”. È un negozio dove vendono acqua, succhi di frutta, biscotti e cose del genere. Non ha molte perdite. È praticamente di fronte all’ingresso principale, angolo.

L’ingresso al Grande Buddha di Leshan costa 80 yuan (circa € 10) e 40 in caso di avere una carta dello studente internazionale. Nei mesi estivi apre dalle 07:30 alle 18:00 e in inverno dalle 08:00 alle 17:30.

È conveniente visitare il Grande Buddha di Leshan il prima possibile. Prima di tutto perché in questo modo eviteremo le lunghe code (che ci saranno ancora, ma molto meno). In secondo luogo perché è un posto abbastanza grande e devi dedicare tempo, inoltre il calore può stringere.

Durante il viaggio verso il Buddha gigante di Leshan troveremo diversi spazi, templi, pagode e luoghi di interesse.

La prima cosa che abbiamo visto è stata la Pagoda di LingbaoDevi deviare solo pochi metri e salire alcune scale. Non richiede molto tempo.

Camminando un po’ raggiungiamo un grande tempio buddista abbastanza colorato. Tempio di LingyunIn realtà sono due edifici e una specie di piazza nel mezzo. In uno di essi stavano pregando in quel momento con canti diversi.

A proposito, lungo la strada ci sono molte indicazioni dove informano di tutti i monumenti che si trovano lungo la strada e la distanza da quel luogo. Tuttavia, non dobbiamo fidarci al 100%, poiché abbiamo visto un paio di segni contraddittori, in particolare uno quasi raggiungendo il Grande Buddha in cui puntava in un’altra direzione e diceva che mancavano 900 metri quando eravamo accanto. A meno che tu non l’abbia corretto, devi stare attento con questo e usare il senso dell’orientamento.

Senza essere troppo intrattenuti lungo la strada, siamo andati al Grande Buddha di Leshan, che è senza dubbio la stella di questo posto. Qui abbiamo già visto che molte persone si sono riunite. Non volevamo perdere troppo tempo e metterci in coda il prima possibile, subito dopo eravamo sicuri che la fila sarebbe stata molto più grande.

In questo posto bisogna essere pazienti, soprattutto se arriviamo tardi o in alta stagione. La linea è a zigzag e possiamo perfettamente impiegare 2 ore per raggiungere il fondo. Siamo rimasti 20 minuti fino a raggiungere il fondo, ma ovviamente è stata un’ora in cui c’erano poche persone e siamo rimasti in coda già sulle scale (c’è una zona di tipico zigzag di recinzioni per quando ci sono molte più persone).

Mentre scendiamo le scale possiamo avere una prospettiva diversa del Buddha gigante. Dall’altro lato possiamo vedere la vista del fiume e della città di Leshan sullo sfondo.

Misura 71 metri ed è stato scolpito sulla montagna dall’anno 713 e durante i successivi 90. Sembra che in questo luogo ci fossero correnti d’acqua molto forti e lo costruirono per proteggere le navi. Si ritiene che ci sia riuscito, dal momento che il fatto di rompere così tanta roccia dalla montagna ha fatto sì che il corso del fiume cambiasse e fosse meno pericoloso. È impressionante vederlo dal basso e osservare quanto sia enorme.

Il nostro consiglio è di visitare questo luogo il prima possibileLa differenza può essere abbastanza significativa in termini di tempo di attesa in coda. Se possiamo andare sul primo trasporto al mattino, tanto meglio.

Capitale orientale del Buddha, a Leshan

Ma se visitiamo il Grande Buddha non finisce qui. Abbiamo la possibilità di visitare anche il complesso orientale del Buddha CapialÈ, almeno a mio parere, ancora più raccomandato. È molto grande ed è composto da diverse aree tra le quali possiamo vedere una grotta con enormi Buddha scolpiti, spazi dove ci sono numerosi Buddha più piccoli e persino uno gigante di 170 metri sdraiato e scolpito sulla montagna.

Abbiamo faticato a trovare questo posto. Sapevamo che dall’esterno, dove ci lasciano autobus e taxi, dobbiamo entrare dalla porta ovest. Tuttavia, c’è anche la possibilità di accedere una volta che siamo all’interno del Grande Buddha. Ma ci è voluto del tempo per trovarlo. Le indicazioni non sono molto chiare, ma si può sempre chiedere a qualcuno (è consigliabile scattare una foto e poterla mostrare).

È un complesso totalmente indipendente. Per entrare nella capitale orientale del Buddha (che tra l’altro è il nome che appare ovunque, ma che sarebbe nella capitale orientale spagnola del buddismo o qualcosa del genere), devi acquistare un biglietto separato. Costa 80 yuan e con una carta dello studente costa 50.

Siamo rimasti molto sorpresi di quanto fossimo soli su questo sito. Ne avevamo letto, ma pensavamo che non sarebbe stato nemmeno così esagerato. La verità è che la stragrande maggioranza dei viaggiatori va solo a vedere il Grande Buddha di Leshan e torna. Soprattutto se andiamo presto, è normale per noi visitare Oriental Buddha Capital praticamente da soli.

Uno dei primi posti che abbiamo visitato nella capitale orientale del Buddha di Leshan è stata la grotta del Buddha farmacistaQui ci troviamo esattamente con un enorme Buddha di oltre 50 metri. Davvero impressionante. Meglio di tutti, non c’era nessuno. Solo 2 o 3 turisti sono passati mentre stavamo scattando foto.

Sulle pareti circostanti possiamo vedere altre sculture e figure scolpite nella rocciaÈ stato senza dubbio uno dei posti più belli che abbiamo visto in questa zona della Cina. Forse anche perché si gode di più quando non si hanno centinaia di turisti accanto.

Grotta dei 10.000 Buddha di Leshan

Ma non è finita qui, tutt’altro. Se andiamo dietro l’enorme Buddha possiamo raggiungere una serie di tunnel e gallerie. In alcuni punti sui cartelli abbiamo visto che chiamano questa zona come la grotta dei 10.000 Buddha di Leshan. Non ho dubbi che ci siano 10.000 Buddha, ma il nome ufficiale, come abbiamo potuto vedere in seguito, è il nome dei Buddha di MyriadQuesto sito è davvero impressionante. Tutte le pareti sono piene di figure perfettamente scolpite, di molteplici dimensioni e forme. Non capisco come questo posto riceva così pochi visitatori (almeno fino ad ora, sappiamo già che non appena qualcosa si espande su Internet alla fine raggiunge tutti).

Se proseguiamo in avanti attraverso i tunnel raggiungiamo uno dei gioielli: un enorme Buddha seduto di 33 metri. È un’altra stella del Buddha Capital Oriental Park a Leshan. Certo, un po ‘difficile scattare una foto in condizioni, dal momento che è un po ‘inscatolato all’interno della grotta.

I tunnel continuano. Una grande varietà di Buddha, figure e sculture ci lasciano a bocca aperta tutto il tempo. Tutto questo praticamente senza nessuno. Tranne che nella zona del Buddha seduto, dove c’erano alcuni turisti che lo fotografavano, per tutto il resto non una sola persona.

Dopo aver attraversato diversi altri tunnel, vedendo numerosi Buddha più piccoli e figure molto varie e curiose, siamo arrivati fuori. Qui ci imbattiamo in un bellissimo giardino, con alcune statue suggestive e molta vegetazione.

Grande Buddha addormentato di Leshan

Volevamo vedere il grande Buddha addormentato di Leshan di 170 metri. È scolpito nella montagna ed è difficile vederlo. C’è un punto, che in seguito abbiamo visto che era solo l’ingresso dalla strada, dove possiamo vederlo bene. È vicino a un bel ponte. Lì puoi vedere il grande Buddha addormentato.

Si consiglia di andare senza fretta, godersi i giardini, trovare sorprese lungo il percorso, avventurarsi a gettare un sentiero che non è segnato e vedere cosa c’è. È un complesso davvero enorme e ha davvero molti bei posti da visitare. Non abbiamo avuto molto tempo, dato che eravamo un po ‘legati a un treno che dovevamo prendere sì o sì per poi collegarci con un altro treno notturno.

Dalla nostra visita al Grande Buddha di Leshan e alla capitale del Buddha orientale abbiamo avuto alcuni templi, ponti e luoghi da vedere. È impossibile vedere tutto in una mattina, come abbiamo fatto noi. Tuttavia, è sufficiente vedere la cosa principale. Consiglio vivamente di non perdere l’area della capitale del Buddha orientale di Leshan.

Treno notturno da Chengdu a Tongren per arrivare a Fenghuang

Dopo la nostra visita siamo andati per i bagagli che avevamo conservato e abbiamo colto l’occasione per mangiare lì nelle vicinanze in un ristorante. Siamo finiti in uno che sembrava molto locale e c’erano solo due cinesi che mangiavano. Sono rimasti molto sorpresi quando siamo arrivati. Quei due cinesi, pochi minuti dopo, hanno cercato di diventare amici con noi e hanno iniziato a parlarci attraverso il traduttore del cellulare.

È stato uno di quei momenti che accadono solo in CinaHanno insistito per invitarci per il cibo e sono rimasti per un po ‘a parlare con noi. Abbiamo anche scambiato WeChat (l’applicazione che usano in Cina come WhatsApp). Hanno iniziato a chiederci molte cose, ad interessarci alla Spagna, ecc. Persone molto simpatiche. Non hanno accettato che paghiamo per l’autobus di ritorno a Leshan.

Tornati a Leshan abbiamo dovuto aspettare solo un po’ per prendere il treno che ci ha portato a Chengdu e una volta lì aspettare molto più a lungo. All’inizio stavamo aspettando un paio d’ore, dato che il nostro treno da Chengdu a Tongren partiva alle 19:00. Il problema è che il treno è stato ritardato molto (5 ore e mezza alla fine) e non sapevamo il motivo.

Quando si avvicinavano le 19:00 e abbiamo visto che la porta per scendere alla piattaforma era ancora chiusa, abbiamo sentito che stava succedendo qualcosa. I treni in Cina sono molto puntuali. Il punto è che non è apparso nulla lì e solo su uno schermo accanto, dove tutto era in cinese, abbiamo visto un messaggio in rosso accanto all’ora del nostro treno. Logicamente, stava accadendo qualcosa di brutto.

C’erano solo cinesi che aspettavano lì e, naturalmente, leggevano il messaggio nella loro lingua e sapevano cosa stava succedendo. Ed è stato allora che abbiamo fatto un amico cinese. Ha visto che non sapevamo cosa stava succedendo e si è avvicinato a noi per spiegare cosa stava succedendo. Ci ha detto che c’era stata una forte tempesta ed è per questo che il treno era in ritardo. La ragazza sapeva leggere perfettamente l’inglese, parlarlo un po ‘da sola. Questo è stato un altro degli aneddoti del viaggio: abbiamo parlato con lei per circa due ore, ma praticamente tutto dal cellulare. Cioè, abbiamo scritto sul nostro cellulare, lei ci ha letto e ci ha risposto scrivendo sul suo e così via.

Un’altra di queste cose curiose che puoi trovare in Cina. Senza dubbio è stato uno dei momenti del viaggio e abbiamo imparato moltoLa ragazza, che ci ha detto di aver studiato per qualcosa come essere un avvocato di stato, ci ha raccontato molte cose sul suo paese, ha spiegato il problema del blocco di Google, Facebook …

Intorno alle 0:30, circa 5 ore e mezza dopo l’orario di partenza previsto, eravamo sul treno per TongrenEcco un’altra curiosità del giorno. Abbiamo alloggiato in uno scompartimento con letti e abbiamo coinciso con una coppia di spagnoli, che non avevamo visto in coda durante tutto quel tempo che stavamo aspettando. Sono andati anche a Fenghuang, ma non sapevano che potevano scendere a Tongren e sono andati a Huaihua, che è il posto più conosciuto e dove i turisti di solito scendono, ma in realtà è per prendere un paio d’ore in più di viaggio.

Il caso ha fatto sì che in uno dei luoghi più caotici e con più persone per metro quadrato in cui siamo mai stati, Hong Kong, abbiamo incontrato di nuovo quei due spagnoli circa 10 giorni dopo.

E così, esausti dall’intera giornata di visite turistiche e con il ritardo aggiunto del treno, abbiamo trascorso la notte senza troppi problemi a dormire sul treno. Ci siamo svegliati a Tongren e lì abbiamo cercato la vita per andare a Fenghuang. Abbiamo già fatto un articolo che spiega come arrivare da Tongren a Fenghuang.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

Un giorno a Chengdu: cosa vedere

Viaggio a Xian: cosa non perdere