in

Quattro piccole cose con un incredibile valore educativo che puoi fare con i tuoi figli durante i tuoi viaggi

La mia vita per me non è solo viaggiare. E non è solo un modo semplice per farmi strada nel mondo. Come probabilmente già saprai, questo stile di vita è molto significativo per me. E infatti quasi ogni passo che faccio, e quasi ogni scelta che faccio, avviene solo dopo molta considerazione e non poca voglia di fare il massimo per me, ma soprattutto per i miei figli.

Faccio del mio meglio per prendere i punti che rendono la nostra routine unica e sfruttarli al meglio. Pensare, essere creativi e utilizzare tutto ciò che il nostro stile di vita consente, tutto per dare ai miei figli moralità, fiducia ed esperienza.
Questo post nasce dalle domande che alcune famiglie mi hanno posto durante la pianificazione dei loro viaggi o già in viaggio. L’ho scoperto nelle risposte brevi e pratiche che do a tutti, che nasconde molto di più del semplice “come fare i bagagli per il viaggio”
Quindi ecco quattro cose che sembrano piccole, ma in realtà sono enormi.

1. Le proprie borse

Quando fai un lungo viaggio, la tua valigia o borsa grande e tutto ciò che contiene diventano una parte molto importante della tua vita. Pertanto, è importante riflettere su come distribuire al meglio l’attrezzatura tra tutti.
Dai ai tuoi figli le loro borse, lascia che decidano cosa portare (con la tua guida ben intenzionata) e assicurati che tutte le loro cose entrino nella loro borsa. Ciò include scarpe, articoli da toeletta personali e un asciugamano, se possibile. Quella borsa sarà il loro luogo intimo e privato, dove sono le loro cose e loro ne sono responsabili.

Dai loro la sensazione che ti fidi di loro per sapere come prendersi cura delle loro cose, per ricordare di metterli in valigia ogni volta che vai in un nuovo posto e assicurati che possano portare la loro borsa da soli. Rispetta la loro privacy riguardo alle cose nella borsa e dai loro quella bella sensazione di essere responsabili del suo contenuto.

2. Libertà finanziaria

Il Sud-est asiatico rappresenta una meravigliosa opportunità per lasciare che i bambini gestiscano i soldi su una base quotidiana fin dalla tenera età. Coinvolgi i bambini con tutto il denaro, a livello quotidiano. Ma tutto. Dovrebbero sapere quanto costa la camera presso la pensione, guardare i prezzi nei menu ed essere consapevoli del budget giornaliero che stai rispettando. Calcola i tassi di cambio.

E oltre a questo, assicurati che abbiano sempre soldi in tasca. Per vivere la spesa regolare, ogni giorno, secondo le necessità, ma anche il desiderio. Piano piano impareranno a non comprare il gelato con quei soldi, ma a conservarlo per quando hanno veramente sete e vogliono solo una bottiglia d’acqua. O per pagare il bucato che hai chiesto loro di ritirare. O il viaggio in autobus. Ho dato ai miei figli più grandi (14 e 17 anni) l’accesso gratuito al portafoglio e al denaro di famiglia e loro gestiscono i loro soldi in modo molto responsabile.

3. consapevolezza sociale

Durante il tuo soggiorno all’estero dovrai affrontare molte cose a cui potresti non pensare in anticipo. Ad esempio, i compleanni di amici e parenti e altri eventi a cui non potrai partecipare.per segnare le date importanti e sentire di condividere la felicità dei tuoi cari, nonostante la distanza, metti da parte una piccola somma di denaro (quella avresti speso comunque per l’evento) ed esci con i bambini per dare quei soldi a coloro che ne hanno davvero bisogno. Rendi i bambini parte di tutto, chiedi loro le loro opinioni e dai loro la possibilità di essere coinvolti. Compra frutta per i monelli di strada, vesti per le famiglie povere della tua zona o dona alcuni libri o giocattoli a un orfanotrofio locale. Ancora oggi c’è una donna tibetana a Pokhara che mi abbraccia ogni volta che le passo accanto, per via delle calze e delle camicie calde che ho comprato per i suoi figli per il compleanno di un mio caro amico, a suo nome. In realtà, è stata mia figlia che le ha chiesto di cosa aveva bisogno ed è andata con lei al negozio per ottenere ciò di cui aveva bisogno.

4. Cooperazione piena e attiva

Lascia che i bambini abbiano voce in capitolo su ogni decisione, considerazione, richiesta. Mandali in missioni di raccolta di informazioni, a partire dai tassi di cambio di qualsiasi paese in cui ti recherai e fino a trovare un posto dove dormire. I miei figli, in base alla loro età, gestiscono il viaggio completamente insieme a me. Cercano i biglietti aerei, scoprono tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno sui luoghi in cui vogliamo andare (visti, valuta, malattie, ecc.) E molto spesso si occupano anche della prenotazione delle camere d’albergo per le prime notti in una nuova destinazione. Non li inseguo per farlo, mi fido pienamente di loro e do loro tutto il dovuto merito. Come spostarsi da un posto all’altro, quanto costa, con quale compagnia andare, quanto tempo ci vuole, dove dovremmo fermarci e riposarci. E molti altri dettagli stampati in piccolo che ammontano a un bel elenco che condividiamo tra noi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa ne pensi?

10 semplici cose da fare e da non perdere a Bali, in Indonesia, per NON sembrare un turista

Lungo viaggio con i bambini, è davvero una pentola a pressione?